Salute e Stili di Vita

ANCHE CIVIDINI A BAGS FOR AFRICA

SEGUICI SU FACEBOOK. OGNI MERCOLEDI UNA DIRETTA

Bags For Africa è un progetto di Coopi, patrocinato da Camera Nazionale della Moda, volto alla realizzazione di una speciale borsa dedicata all’Africa che sarà battuta all’asta di beneficenza il prossimo 14 novembre 2012, nel Salone d’Onore della Triennale di Milano. All’iniziativa partecipano tra gli altri anche Piero e Miriam Cividini.

«La moda non è un mondo così distante dall’Africa: la bellezza le contraddistingue entrambe; i designer di moda possono contribuire, anche se in misura limitata , sfruttando la propria visibilità a catalizzare l’attenzione delle donne e dei media sul problema del ritardato sviluppo del continente africano», ha commentato Piero Cividini aggiungendo che «sostenere un’organizzazione come Coopi, che lavora per creare un mondo migliore è un dovere morale». «In Paesi come la la Sierra Leone alle donne sono negati i diritti fondamentali, tra cui l’istruzione: renderle consapevoli di ciò che spetta loro in qualità di individui è il primo passo di un processo di emancipazione che ponga le basi per una società più giusta per tutti», ha concluso Cividini.

Alla terza edizione di Bags For Africa parteciperanno 38 maison nella creazione di un pezzo unico. L’obiettivo? Sostenere l’emancipazione femminile in Africa per il progetto “ D come sviluppo, il futuro della Sierra Leone è Donna”. Una borsa per accorciare la distanza tra moda e povertà: il ricavato dell’asta sarà destinato, infatti, a favore del diritto di proprietà e di alfabetizzazione delle donne in Senegal, nei distretti di Kono, Kailahun, Koinadugu e Western Area. Cividini ha realizzato una sofisticata pochette in pitone decolorato colore bois de rose e foderata in pelle di vitello, con colore a contrasto. Un pezzo unico, realizzata in esclusiva per Bags for Africa. Un accessorio che farà la differenza: non solo perché un oggetto unico ma perché sarà lo strumento attraverso il quale incentivare lo sviluppo in alcune tra le aree più povere del mondo.

La moda dunque come strumento di sviluppo.

close

Salve, sono Maria Ianniciello. Grazie per aver letto l'articolo. Se ti è piaciuto il sito e il pezzo, iscriviti alla mia newsletter settimanale. Riceverai ogni lunedi una mail con gli articoli e i nuovi episodi del podcast, contenuti inediti, buoni sconto su libri e tanto altro!

Commenti

commenti

Salve, mi chiamo Maria Ianniciello. Cultura & Culture è un blog indipendente. Redigere articoli ed editare podcast di qualità richiede tempo e concentrazione. DONA ORA affinché io possa creare contenuti migliori. Grazie mille!

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Lascia un commento

shares