culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Non solo film

Rush, recensione del film. Lauda e Hunt tornano in Tv

Coinvolgente, carico di emozioni, con sequenze che non annoiano mai. Rush, il film oggetto di questa recensione, narra la storia professionale e umana dei piloti di Formula 1 Niki Lauda e James Hunt, diversi nel temperamento eppure così simili nel forte desiderio di gareggiare, come si evince soprattutto nella scena finale della pellicola.

Il film è diretto da Ron Howard e si avvale di un cast d’eccezione formato in primis dall’australiano Chris Hemsworth e dal tedesco Daniel Bruehl. Il lungometraggio andrà in onda questa sera, 21 maggio 2020, su Rai 3 in prima serata in occasione dell’anniversario della morte di Niki Lauda.

Rush, il film: recensione

Il film Rush ci fa notare da subito come Niki Lauda e James Hun siano accomunati, oltre che dal destino di figli rinnegati dai genitori per la loro scelta di vita, anche dalla voglia di toccare il cielo con un dito, mentre l’adrenalina scorre nelle vene, facendo vomitare James prima di ogni gara, e demordere Niki dal compiere l’altro giro di pista che, a causa delle cattive condizioni meteorologiche, potrebbe mettere a rischio la sua vita. Una decisione che costerà a Lauda il titolo di Campione del mondo, ottenuto da Hunt, suo rivale ma anche suo amico, che l’ha pure difeso una volta, a sua insaputa, e gli ha dato il coraggio di non abbattersi dopo il tragico incidente che gli ha sfigurato il volto.

L’antagonismo tra due campioni

rush film recensione
I veri Niki Lauda e James Hunt

James è una testa calda e ha in sé le caratteristiche del pilota per antonomasia: vive d’istinto, affidando al circuito di Formula 1 le sue speranze e le sue gioie. Niki è razionale, controllato, moderato, nel privato come in gara.

Rush si focalizza dunque sull’antagonismo tra Lauda (uno dei più grandi piloti al mondo, che ha vinto tre titoli mondiali e ha gareggiato con la Ferrari) e Hunt, ridando alla Sport il suo significato autentico e facendo conoscere, anche a chi non è appassionato di Formula 1, cosa si prova quando la vettura, con il suo rombo struggente sfreccia sul circuito. Le immagini accompagnano e scandiscono il ritmo, così come il suono che segue l’andatura incalzante delle auto in pista.

Il tutto in un’epoca, gli anni Settanta, in cui anche questo Sport, nonostante gareggiare fosse più pericoloso di oggi per i piloti, non era ancora del tutto un business. Altra nota positiva è l’interpretazione dei due attori protagonisti, entrambi bravi a cogliere il carattere e le sfaccettare dei loro personaggi. Nel cast c’è anche Pier Francesco Favino, che interpreta Clay Regazzoni, altro pilota della scuderia Ferrari, morto nel 2006 a Parma in un incidente d’auto. Maria Ianniciello

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares