culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Adaline - l'eterna giovinezza recensione
Non solo film

Adaline – l’eterna giovinezza: recensione del film

Magia ma anche talento e una buona dose di coraggio; sì! Perché per produrre e poi girare un film come Adaline – L’eterna giovinezza ci vuole molto più di una buona idea.

Ci vuole una sceneggiatura robusta che, superando i cliché stantii sul tempo e sull’invecchiamento, faccia da asse portante a un’opera veramente originale. Dopo lungometraggi come La casa sul lago del tempo o Premonition (tanto per citare due pellicole con Sandra Bullock).

Adaline – L’eterna giovinezza: recensione del film in onda su canale 5

Adeline – L’eterna giovinezza, dopo essere approdato al cinema nel 2015, va in onda in Tv, su Canale 5, questa sera (12 ottobre 2019) alle 21.21. Si tratta nello specifico di un buon film reso tale dalla trama che ammalia già dal trailer.

Su via! Chi non hai mai sognato dopotutto di vivere in eterno rimanendo però sempre giovane, un po’ come Dorian Gray.

Per sua fortuna, però, la protagonista della pellicola –  diretta da Lee Toland Krieger – non ha in sé il gene della follia del personaggio creato da Oscar Wilde, da cui sono stati tratti due film, uno del 1945, l’altro del 2009.

Al contrario Adelaine ha l’umiltà di Benjamin Button, il quale, quando si rende conto che con il passare degli anni ringiovanisce nell’aspetto mentre le sue cellule invecchiano, comincia a viaggiare.

La vita di questa giovane donna era pressoché normale: nata nel 1908, è cresciuta, si è sposata ed ha avuto una figlia ma una notte, a causa di un incidente e per una combinazione astrale, le sue cellule mutano.

Con il passare degli anni, mentre gli altri invecchiano e muoiono, sul volto di Adaline non compare una ruga, né nella sua rossa chioma c’è un solo capello bianco.

La voce fuori campo, come in una fiaba, ci spiega con dovizia di particolari cosa le è accaduto e ci fa strada in una quotidianità misteriosa e piena di fascino.

adeline-l-eterna-giovinezza-trailer-trama-recensione

Adaline come Cenerentola…

Valore aggiunto di questa pellicola è Blake Lively che, con una certa nonchalance, cambia abito e acconciatura, segno dei decenni che passano e della Moda che cambia.

Per paura di diventare una cavia e per non affezionarsi, la nostra eroina rinuncia a una vita normale, accontentandosi di lavori anonimi che la fanno passare inosservata.

Vorace lettrice e con un’eleganza fine, Adaline tra amori disillusi e proposte di matrimonio mancate conosce tante persone, impara diverse lingue e viaggia. Chi non vorrebbe una vita così?

Eppure, se la Natura ha deciso di farci invecchiare e poi morire, una ragione c’è. Questa donna deve fare i conti con la propria diversità che non le permette di condurre un’esistenza normale.

Quindi, proprio come Cenerentola che sul far della mezzanotte deve scappare, altrimenti il principe scoprirà il suo segreto, si dà alla fuga.

E il principe in questo caso è Ellis Jones (Michiel Huisman), un filantropo che ama la cultura.

Adaline - l'eterna giovinezza recensione

Adaline – L’eterna giovinezza: recensione. Perché vedere il film?

Adaline – L’eterna giovinezza è un film che, con il suo ottimo cast (c’è anche Harrison Ford) si pone a metà strada tra il fantasy e il fantascientifico, facendoci sognare per un paio d’ore.

Ma al contrario di pellicole di pura fantascienza, come per esempio Start Trek – L’insurrezione, ci lascia con i piedi ancorati a terra, portandoci in un universo più che conosciuto. Esperimento riuscito! Voto: 4 out of 5 stars (4 / 5) (Marica Movie and Books)

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares