Libri: recensioni & interviste

Uno stile per l’Italia moderna: il Liberty

Giorgio Kienerk - Enigma umano (1900)
Giorgio Kienerk – Enigma umano (1900)

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

In Francia lo chiamavano Art Nouveau, In Germania Jugendstil e in Inghilterra Modern Style. In Italia era semplicemente Liberty. Si tratta di un movimento artistico che si diffuse tra la fine dell’Ottocento e la prima guerra mondiale, con l’intento di superare lo storicismo e il naturalismo ottocentesco per aspirare alla modernità. Il Liberty fu comunque uno stile di vita, una tendenza, che partendo dall’architettura si diffuse in pittura, nell’industria, nella letteratura, nel teatro e nella musica. Lo stile floreale portava con sé l’ottimismo dell’ingresso nel nuovo secolo e l’inquietudine della modernità. Sicuramente il Novecento, con tutte le sue contraddizioni, è il secolo che più ci rappresenta, perché siamo suoi figli. La Grande Guerra infatti preparò il terreno per le dinamiche geopolitiche del Secondo Dopo Guerra e nell’arte di allora si possono scorgere le prime avvisaglie di quello che fu il secolo delle conflitti mondiali.

Ed è forse proprio per questo che la Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì continua a indagare nel Novecento italiano, organizzando, dopo le rassegne Wildt e Novecento, una grande mostra che sarà allestita proprio a Forlì  dal 1 febbraio al 15 giugno 2014. L’obiettivo: dare parola a uno stile che trovò terreno fertile proprio nell’Emilia e nella Romagna. Nelle sale dei Musei di San Domenico  si darà quindi voce ad artisti come Boldini, Previati, Nomellini, Baccarini, Kienerk, Grubicy de Dragon, Segantini, Pellizza da Volpedo, Longoni, Boccioni, Dudreville, Innocenti, Bocchi, Viani, i Bistolfi, Ximenes, Trentacoste, Canonica, Rubino, Andreotti, Wild, Dudovich, Terzi, Hohenstein, D’Annunzio, Pascoli, Gozzano, Puccini, Mascagni, Ponchielli. Solo per citarne alcuni. Creando così punti d’incontro tra i diversi ambiti culturali. E non mancherà il confronto europeo grazie ad autori come Klimt, Adler, Moser, Tiffany, Klinger, Boecklin, Van Stuck, Morris, Leighton. Partner dell’esposizione sarà il MIC di Faenza, con la produzione di ceramiche d’arte. Non ci resta dunque che attendere per scoprire tutti i dettagli di questo importante evento che non interesserà solo Forlì e Faenza, ma riguarderà tutta la regione.

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008.
Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana.
Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio.
Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali.
Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'.
Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv).
Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia.
Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare.
Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Lascia un commento