culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Libri: recensioni & interviste

UN TOCCO DI DOLCEZZA NELL’ARTE DI SHELLEY MILLER

Foto: shelleymillerstudio.com

L’arte dei murales non è un pezzo di torta ma, nel caso di Shelley Miller, è glassa. L’artista di Montreal ha dato un tocco di novità e di dolcezza alle strade di mezzo mondo, realizzando opere murarie con lo zucchero a velo e decorazioni da torta.

Shelley trasforma le strade in gigantesche torte di compleanno, applicando alle sue creazioni ornamenti edibili che somigliano molto di più alle mattonelle in stile vittoriano che alla moderna arte dei murales. Il risultato sono delle opere sorprendentemente belle in cui il gusto dell’effimero si mescola con gli elementi naturali, dando vita a una nuova forma di arte che resiste solo pochi giorni, è totalmente ecologica e, sciogliendosi, forma opere completamente differenti da quelle originali. I temi della Miller riprendono la storia della lavorazione dello zucchero attraverso i secoli: il risultato sono graffiti che citano l’arte portoghese, gli arabeschi e i mosaici.

Lo scorso 29 settembre 2012, con il suo team di assistenti, la Miller ha decorato le strade di Toronto con un opera dal titolo “Throw Up”, termine usato nella street art per descrivere un pezzo di murale disegnato velocemente. Ma, a differenza dei murales convenzionali, l’opera della Miller era realizzata completamente con lo zucchero. Il muro di Toronto, costato una notte di lavoro, come tutte le creazioni dell’artista canadese è commestibile grazie all’utilizzo di coloranti per torte, usati per decorare i graffiti.

Tra le tante installazione della Miller, vale la pena citare anche quella in Brasile dove, su vecchi palazzi in rovina, l’artista di Montreal ha disegnato la storia della lavorazione della canna da zucchero dal trasporto attraverso gli oceani, il suo commercio e la tratta degli schiavi.

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Leave a Reply

shares