Libri: recensioni & interviste

Sparks, “La risposta è nelle stelle”: due amori senza tempo

La recensione

«(…) Ecco che cosa diceva Picasso: “Tutti sappiamo che l’arte non è verità. L’arte è bugia che ci permette di conoscere la verità, almeno la verità che ci è dato di capire”. Guardo il pubblico, poi abbasso la voce».

(La risposta è nelle stelle, pagg. 401 – 402)

 

la risposta nelle stelle 2
Pagine 400 – Prezzo libro 19,90

Dietro ogni romanzo c’è un vissuto. Dietro ogni narrazione c’è una vita fatta di emozioni positive e negative, trasformate in una storia dalla penna audace di uno scrittore. Leggendo la piccola autobiografia di Nicholas Sparks (pubblicata sul suo sito), si evince subito che il suo successo è stato il frutto di quei puntini di cui parlava Steve Jobs. Dall’incitamento della madre a scrivere un libro alla pubblicazione del suo diciassettesimo romanzo “La risposta è nelle stelle” (The longest ride) – edito in Italia da Frassinelli – sono trascorsi decenni, durante i quali lo scrittore statunitense ha dovuto affrontare lutti e situazioni difficili, come la morte della madre, a causa di una caduta da cavallo, il decesso del padre in un incidente stradale e la scomparsa della giovane sorella, per un cancro. Nicholas Sparks è un profondo conoscitore dell’animo umano, maschile e femminile, ma sa anche descrivere i luoghi, forse come pochi altri autori contemporanei del suo genere: i fiumi, gli animali, le piante del North Carolina compaiono magicamente tra le pagine dei suoi romanzi e sono resi visibili, tangibili.

Come accade nel libro “La risposta delle stelle”, nel quale due storie d’amore si intersecano: Ira e Ruth; Luke e Sophia. Le due coppie sembrano appartenere a mondi distanti, soprattutto cronologicamente. Ira e Ruth hanno trascorso la loro giovinezza tra gli anni Trenta e Quaranta, durante la Seconda Guerra Mondiale, quando si sono innamorati e in seguito, dopo la fine del conflitto, sposati. Le due coppie sono però accomunate dalla passione per l’arte (amata dalla giovane Sophia e da Ruth, donna saggia) e soprattutto dall’Amore.

Sophia e Ruth sono entrambe di origini europee; Luke e Ira sono invece uomini pragmatici che, pur di rendere felici le loro compagne, si accostano casualmente al mondo dell’arte. Ruth è solo un’immagine, per nulla sbiadita, nella mente di Ira, perché lei vive ormai nelle stelle. E` morta nove anni prima. Sophia è reale e coerente con i suoi valori, come tutti i personaggi femminili dei romanzi di Nicholas Sparks. Ira e Ruth, che ricordano leggermente Allie e Noah de “Le pagine della nostra vita”, continueranno a sopravvivere nell’Universo e, pur non avendo figli, il loro amore non si spegnerà grazie a Sophia e Luke.

Nicholas Sparks ci dona dunque due storie d’amore in un solo libro, con un finale inaspettato. Da leggere!

Maria Ianniciello

Acquista il tuo libro qui

 

close

Salve, sono Maria Ianniciello. Grazie per aver letto l'articolo. Se ti è piaciuto il sito e il pezzo, iscriviti alla mia newsletter settimanale. Riceverai ogni lunedi una mail con gli articoli e i nuovi episodi del podcast, contenuti inediti, buoni sconto su libri e tanto altro!

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione.

Lascia un commento

shares