A Roma la mostra Giovanni Prini. Il potere del sentimento

Giovanni Prini. Il potere del sentimento: questo il titolo della mostra allestita a Roma presso la Galleria d’Arte Moderna dal 21 dicembre 2016. Giovanni Prini è stato uno dei principali scultori del Novecento e l’esposizione – organizzata da Roma Capitale – mira proprio a documentare l’influenza artistica che Prini ebbe nella capitale e in Italia in quel periodo. Nell’abitazione di via Nomentana egli ospitò celebri personalità della cultura come Duilio Cambellotti, Ettore Ximenes, Cipriano Efisio Oppo, Sibilla Aleramo, Gino Severini, Umberto Boccioni, Antonio Maraini e Giacomo Balla che ritrasse ne Lo Specchio proprio il salotto di Giovanni Prini, opera che potrete vedere in esposizione.

La mostra vi permetterà inoltre di ammirare e apprezzare dipinti, disegni, ritratti della moglie Orazia, ceramiche, mobili e anche giocattoli giacché Giovanni Prini fu direttore artistico della fabbrica di giocattoli “SFAGI” di Roma e produsse opere e soprammobili di ceramica. Fu inoltre presente alle Quadriennali di Roma e alle Biennali di Venezia tanto che nel 1932 fu nominato Accademico di San Luca.

Nell’ambito della mostra, Giovanni Prini. Il potere del sentimento, saranno esposte opere come Gli amanti e Le gemelle Azzariti ma anche realizzazioni di altri artisti che frequentavano assiduamente il salotto dei Prini. Tra questi ricordiamo un olio inedito di Giacomo Balla, Nudo (1904) di Cambellotti, Autoritratto (1904) e Ragazza in blu (1905) di Severini, Ballerina (1916 ca) di Mario Sironi e La moglie di Giovanni Prini (1906) di Domenico Baccarini. La mostra è curata da Maria Paola Maino e potete visitarla sino al 26 marzo 2017.

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Redazione

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: [email protected]

Lascia un commento