Libri: recensioni & interviste

Roma: in mostra al Vittoriano i capolavori del Musée d’Orsay

Alfred Sisley Temps de neige à Veneux-Nadon / Tempo da neve a Veneux-Nadon
Alfred Sisley Temps de neige à Veneux-Nadon / Tempo da neve a Veneux-Nadon

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

I capolavori del Musée d’Orsay di Parigi in mostra a Roma. A partire dal prossimo 22 di febbraio e sino all’8 giugno 2014, il Complesso del Vittoriano ospiterà, infatti, “Musée d’Orsay. Capolavori”, una grande esposizione dedicata a quelle opere che tra il 1848 e il 1914 hanno reso la pittura francese il punto di riferimento per l’intera arte mondiale. Maestri come Manet, Monet, Degas, Gauguin e Van Gogh, e poi ancora Pissarro, Corot, Sisley e Seurat saranno, quindi, i protagonisti di una mostra che attraverso una settantina di opere intende ripercorrere la vicenda storico-artistica che dalla pittura accademica ufficiale, quella dei Salons, ha portato alla rivoluzione impressionista e, in seguito, all’affermarsi dei nabis e dei simbolisti. Articolata in cinque sezioni, la mostra è curata da Guy Cogeval e da Xavier Rey e si apre con un’introduzione dedicata alla storia di quella ex stazione ferroviaria che, situata nel cuore di Parigi, lungo la sua rive gauche, a un certo punto è stata trasformata in uno dei musei più famosi e apprezzati nel mondo. Un racconto inedito, quello che sarà presentato a Roma, che permetterà di cogliere lo straordinario lavoro di allestimento degli spazi di quello è diventato il Musée d’Orsay. Lavoro, questo, operato sul finire degli anni Ottana dal grande architetto italiano Gae Aulenti.

Claude Monet Vétheuil, soleil couchant / Vétheuil, tramonto
Claude Monet Vétheuil, soleil couchant / Vétheuil, tramonto

LA MOSTRA – Cinque sezioni, quindi, che si apriranno con l’arte ufficiale dei Salons: una raccolta di opere che metteranno a confronto il nucleo centrale con l’emergente arte realista della Scuola di Barbizon. Accanto ai lavori di pittori maggiormente accademici come Cabanel, Bouguereau ed Henner, molto apprezzati tra il 1860 e il 1870, ecco comparire anche il realismo di Courbet, corrente pittorica alla quale sarà dedicata la sezione successiva della mostra. Saranno i cambiamenti apportati alla pittura di paesaggio dalla Scuola di Barbizon i protagonisti, infatti, della seconda parte espositiva: grazie alle loro ricerche atmosferiche, i pittori che lavorano nella foresta di Barbizon aprono infatti la strada al paesaggio impressionista. La terza sezione dell’esposizione è dedicata, come si può immaginare, proprio agli impressionisti.

Paul Gauguin Le repas / Il pasto
Paul Gauguin Le repas / Il pasto

Il precursore Manet, e poi Monet, Renoir e Degas danno forma alla “nuova pittura”, abbandonando antichi modelli ereditati dal passato per stare al passo con la forte accelerazione che la civiltà del diciannovesimo secolo sta vivendo. A seguire sarà la volta del Simbolismo ottocentesco, mentre l’ultima sezione della mostra sarà interamente dedicata all’eredità lasciata dall’Impressionismo. È a partire dagli anni Ottanta dell’Ottocento che i pointillisti estremizzeranno ulteriormente quella separazione impressionista delle macchie cromatiche e che non mancheranno le più diverse sperimentazioni, dal cloisonnisme di Gauguin ai Nabis.

Scheda tecnica della mostra:

fino all’8 giugno 2014

Complesso del Vittoriano, Roma

Orari: da lunedì a giovedì dalle 9.30 alle 19.30, venerdì e sabato dalle 9.30 alle 23, domenica dalle 9.30 alle 20.30

Biglietti: intero 12 euro, ridotto 9 euro

Info: www.comunicareorganizzando.it

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Valentina Sala

Valentina Sala

Giornalista pubblicista. Tra i suoi campi di interesse soprattutto viaggi e cultura. Dopo una laurea di primo livello in Scienze della Comunicazione consegue la specialistica in Editoria con il massimo dei voti e con una tesi sul rapporto tra letterati e città, ricostruendo la Parigi di Émile Zola e la Vienna di Joseph Roth. Collabora con più giornali e riviste e affianca alla professione giornalistica quella di insegnante di Psicologia della Comunicazione. Tra le sue passioni i romanzi capaci di raccontare un luogo e un’epoca, i film di François Truffaut, il buon cibo, le città europee e, soprattutto, il viaggio inteso come modo per scoprire e confrontarsi con realtà diverse.

Lascia un commento