Libri: recensioni & interviste

PAVIA RICORDA LE VITTIME DELLE LEGGI RAZZIALI

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

Una mostra documentaria sulle leggi razziali per non dimenticare. L’evento si svolgerà a Pavia, presso Palazzo San Tommaso, sala delle Sibille, dal 30 gennaio 2013, giorno del taglio del nastro, al 1 marzo 2013. Con questa esposizione, dal titolo “Il sapere negato. Le leggi razziali el’Università di Pavia”  Elisa Signori ricostruisce le vicende individuali di docenti e studenti, intrecciandole con la storia dell’istituzione di cui vollero far parte; un percorso che invita a interrogarci sui temi della libertà della scienza e del libero accesso aisaperi nel quadro di una società aperta. A 75 anni dall’entrata in vigore delle leggi razziste l’Università di Pavia rende omaggio dunque agli studenti e docenti, italiani e stranieri, che in diversi modi, a partire dal 1938, furono vessati e cacciati a causa delle leggi razziali. 

L’inaugurazione è in programma per il 30 gennaio alle 10.30 presso il Salone Teresiano della Biblioteca universitaria; interverranno, accanto al Rettore Angiolino Stella, Klaus Voigt (Università tecnica di Berlino), Michele Sarfatti (Centro di documentazione ebraica contemporanea – Milano), Paola Vita Finzi ed Elisa Signori (Università di Pavia). La mostra ricostruisce con un percorso di documenti d’archivio, di immagini e di testimonianze coeve l’espulsione degli ebrei dall’Università italiana e, in particolare, dall’Ateneo di Pavia. Il cuore tematico della vicenda è costituito dalla svolta del 1938 e dall’innesto della legislazione antisemita nella scuola: seguendo la prassi burocratica brutale e ambigua al tempo stesso voluta dal ministro Bottai, l’ateneo provvide a cacciare 12 suoi studiosi, tra ordinari e assistenti, costretti, in un clima di generale e vergognosa acquiescenza, ad abbandonare le aule, i laboratori, le biblioteche, e a cercare altrove ragioni di vita e mezzi di sostentamento. Non solo, ma nel giro di pochi mesi, la stessa Alma Mater ugualmente limitò e discriminò, come richiedevano le circolari del ministero, alcune decine di suoi studenti, italiani e soprattutto stranieri – romeni, polacchi, ungheresi, tedeschi e apolidi-, già accolti nelle diverse facoltà, ma ridefiniti “di razza ebraica” e come tali divenuti indesiderabili nella coesa comunità studentesca “ariana” e imperiale. Per decifrarne appieno il senso, l’ostracismo dei cittadini ebrei dai luoghi del sapere è inscritto in un arco cronologico più ampio, esteso al periodo tra le due guerre, banco di prova della politica culturale e scientifica fascista, e alla ripresa democratica postbellica, che vide la tardiva e incerta reintegrazione nei loro diritti dei docenti e degli studenti cacciati. Intrecciando la dimensione nazionale e quella locale e cittadina della vicenda, documenti e immagini aiutano a capire le dinamiche politico-istituzionali di tale evoluzione e a coglierne le conseguenze sui destini di chi ne fu vittima e, più in generale, nell’identità e nella storia del nostro Paese. Se il focus della mostra è il microcosmo di studenti e docenti, il percorso documentario è volto più in generale a chiarire la svolta del 1938 quale momento-chiave della fascistizzazione della cultura e della mise au pas del mondo scientifico, seguendo nelle tracce archivistiche la casistica dei comportamenti istituzionali, individuali e collettivi. Gli itinerari dei perseguitati, dalla “diaspora” all’internamento coatto, dalla clandestinità all’esilio alla deportazione, fino alla reintegrazione, incerta e parziale, dei diritti per i sopravvissuti, compongono un quadro chiaroscurato della vicenda, aiutandoci a leggerne il segno lasciato nell’identità e nella storia del Paese.

 

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI AL NOSTRO GRUPPO FACEBOOK PER AMANTI DELLA LETTURA. CLICCA SULL'IMMAGINE

Commenti

commenti

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Commenta