culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Libri: recensioni & interviste

OGNI ANGELO E` TREMENDO

 “In fondo a ogni vita scorre una segreta saggezza che permette di far arrivare le cose giuste al momento giusto”

 

Un bambino e una bambina – che si tengono per mano e che in tutta la loro fragilità camminano lungo il sentiero della vita – sono i protagonisti di una foto sbiadita dal tempo, il quale ha fatto affievolire anche le ferite più profonde grazie alla forza del perdono. La bambina rappresenta Susanna Tamaro, che nella prima infanzia affidava le sue ansie al fratello maggiore. La scrittrice nel libro “Ogni angelo è tremendo”, edito da Bompiani, descrive infatti la bambina che era con gli occhi e la mente della donna, narrando le sue paure  infantili, da cui nascevano domande, a cui nessuno poteva o voleva rispondere. Genitori assenti; una mamma vulnerabile e forse anche malata che all’improvviso volta le spalle alla signora A, creando le signore B, C, D, E…

Una donna sempre diversa da quella precedente, cinica eppure così fragile, così vulnerabile. Ma Susanna è troppo piccola per capire. Quindi, come un tarlo, si sviluppa nella sua mente l’idea di essere inadeguata e di avere un destino già segnato. «Combinerò poco nella vita», dice a se stessa. Qualcosa però cambia e, grazie alla poesia, scopre di avere il talento della scrittura, fino ad allora inespresso.

«Voglio raccontare storie», afferma così senza mezzi termini. E, ritrovando se stessa con l’aiuto della nonna, che molto somiglia alla protagonista di “Va’ dove ti porta il cuore”, comincia a scrivere. Tante sono le peripezie e molti i rifiuti degli editori, ma Susanna non si arrende e il sogno si realizza. E… poi una nuova esperienza ancora più intensa: il miracolo del perdono.

“[…] Tutti abbiamo bisogno di perdono, abbiamo tutti bisogno di misericordia […] In salotto ho fissato a lungo […] il pullover che stava facendo per me e che non sarebbe mai riuscita a completare. Come la protagonista di sotto la neve, incredibilmente, per tutto il corso della vita non ha fatto altro che sferruzzare decine di magnifici maglioni destinati a me. In essi, forse, ha tentato di trasmettermi il calore che non era riuscita a darmi in altro modo. […]”

La catarsi sopraggiunge mentre si sente il rumore del vento che sibila, che ulula, altera in profondità l’equilibrio del tuo corpo senza chiedere il permesso. Sullo sfondo una  Trieste martoriata, delusa, fredda…

Maria Ianniciello

 

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Leave a Reply

shares