culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Libri: recensioni & interviste

A Milano in mostra i volti del Novecento, da Matisse a Bacon

Amedeo Modigliani Ritratto di Dédie, 1918 Olio su tela; 92 x 60 cm (AM 3974 P) © Service de la documentation photographique du MNAM - Centre Pompidou, MNAM-CCI/Dist. RMN-GP
Amedeo Modigliani Ritratto di Dédie, 1918
Olio su tela; 92 x 60 cm (AM 3974 P) © Service de la documentation photographique du MNAM – Centre Pompidou, MNAM-CCI/Dist. RMN-GP

Nel Mondo contemporaneo l’immagine dei volti e in particolare dei corpi ha preso il sopravvento, proprio perché l’uomo sente forte l’esigenza, da sempre, di lasciare una traccia di sé. Cosa si nasconderà dietro un volto? Sogni, gioie, ansie, paure, sensazioni? Dall’antico Egitto a oggi il ritratto e l’autoritratto hanno avuto un’importante funzione per l’umanità che ha potuto conoscere aspetti del passato e degli antenati altrimenti ignoti. Il 1900 è stato un secolo ambiguo e anche contraddittorio, per certi versi, perché in quel periodo se da un lato i regimi totalitari tentavano di distruggere l’individuo, dall’altro molte idee geniali stavano cambiando lo stile di vita e anche il modo di pensare dell’uomo moderno. La psicanalisi e la fotografia, apparentemente due discipline lontane, in realtà si diffusero proprio per soddisfare un unico bisogno: guardare l’altrove, da cui si originano le tragedie, oltrepassandolo. Da qui i reportage di guerra, da qui l’indagine psicoanalitica.

Nell’Arte, in particolare nel ritratto e nell’autoritratto, accadde l’inverso, perché sembrava affermarsi un mondo senza più volti, che è visibile nella mostra “I volti del ‘900. Da Matisse a Bacon. Capolavori dal Centre Pompidou” allestita al Palazzo Reale di Milano, dal 25 settembre 2013 al 9 febbraio 2014. Il percorso espositivo comprende ottanta ritratti e autoritratti del Novecento. Saranno esposte in particolare opere di Matisse, Bonnard, Modigliani, Magritte ma anche Suzanne Valadon, De Chirico, Picasso e altri artisti noti e meno noti.

 

La mostra– che è curata da Jean-Michel Bouhours- è organizzata dal Comune di Milano e prodotta da Palazzo Reale, MondoMostre e Skira editore, che ha editato il catalogo, con il Musée National d’Art Moderne- Centre Pompidou di Parigi. Dal percorso si evince, mediante le sue cinque sezioni, il bisogno dell’artista di conoscere se stesso attraverso il soggetto ritratto. E` il segno di un’epoca caratterizzata dalla ricerca dell’identità, negata dalle Guerre e dalla violenza. Il visitatore, dunque, partendo dai misteri dell’anima arriva ai ritratti dopo la fotografia, che si possono ammirare nell’ultima sezione, dove artisti, meno famosi, questa volta gareggiano per far emergere la personalità del soggetto.

 m.i.

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Leave a Reply

shares