Libri: recensioni & interviste

Khaled Hosseini: E l’eco rispose, la recensione

“[…] Mi dicono che devo guadare le acque dove presto annegherò. Prima di immergermi, lascio questo sulla spiaggia per te. Prego che tu lo possa trovare, sorella, perché tu sappia cosa c’era nel mio cuore quando sono finito sott’acqua […]”.

 

Piemme - pagg. 456 - euro 19,90
Piemme – pagg. 456 – euro 19,90

Dopo Il Cacciatore di aquiloni e Mille splendidi soli, il romanziere di origini afgane, Khaled Hosseini, è ritornato in libreria con una nuova storia, forse meno intensa delle precedenti ma sempre convincente. E l’eco rispose, questo il titolo del suo ultimo romanzo, è nella top ten italiana dei libri più venduti da molte settimane, senza mai retrocedere nella classifica, almeno per il momento. Ma cos’è che ha reso questo libro da subito un bestseller? Sicuramente Hosseini, forte anche del successo delle sue antecedenti pubblicazioni, coinvolge il lettore descrivendo con dovizia di dettagli contesti socioculturali lontani e incuriosendo con storie, spesso tragiche. L’uomo che reagisce, in diversi modi, alle varie forme di violenza è il filo conduttore dei romanzi di Hosseini, che pone al centro di questo nuovo libro il legame tra una sorella, Pari, e un fratello, Abdullah, separati dal destino ma uniti dal vincolo di sangue e da un profondo affetto. La loro separazione, se da un lato darà l’opportunità a Pari di non subire i soprusi e le ingiustizie, solo per il fatto di esser donna, come accade a Mariam e Laila in Mille splendidi soli, dall’altro lascerà nella bimba ormai donna la sensazione che qualcosa d’importante le è stato tolto.

Mentre passano gli anni, il lettore fa amicizia con nuovi personaggi che vivono in posti diversi e che appartengono a differenti culture. Ognuno di loro racconta se stesso e le proprie ragioni, ma tutti sono legati a Pari e Abdullah in un modo o nell’altro. Cosa li lega? Un luogo o una lontana parentela o un altro personaggio conosciuto per caso. Nel libro c’è spazio anche per l’amore omosessuale e per le sregolatezze di due donne che nelle loro diversità comunque si somigliano: Nila e Madaline, così rivoluzionarie eppure così fragili. E… poi c’è Thalia che, a causa di un morso di un cane, ha il viso completamente sfigurato e che riesce comunque a costruirsi una vita, anche grazie a Markos. Da una decisione dolorosa ma inevitabile si originano dunque promesse non mantenute, sentimenti che oscillano dall’odio all’amore, parole dette solo all’ultimo momento, sensazioni dolorose che si diffondono nell’etere come un’eco, la quale risponde con il trascorrere degli anni, in un’altra zona del mondo, condizionando le scelte dei personaggi coinvolti. Ma cosa sarebbe accaduto se il padre di Pari e Abdullah non avesse preso quella decisione estrema? Sicuramente la vita sarebbe stata diversa per tutti. Forse non migliore… solo diversa. Perché a volte il dolore di una persona allevia la sofferenza di un altro individuo. Infatti, come affermava Jalaluddin Rumi nel XII secolo, “ben oltre le idee di giusto e di sbagliato c’è un campo. Ti aspetto laggiù”. In questo campo non c’è spazio per il giudizio; qui c’è solo comprensione.

m.i.  

close

Salve, sono Maria Ianniciello. Grazie per aver letto l'articolo. Se ti è piaciuto il sito e il pezzo, iscriviti alla mia newsletter settimanale. Riceverai ogni lunedi una mail con gli articoli e i nuovi episodi del podcast, contenuti inediti, buoni sconto su libri e tanto altro!

Commenti

commenti

Salve, mi chiamo Maria Ianniciello. Cultura & Culture è un blog indipendente. Redigere articoli ed editare podcast di qualità richiede tempo e concentrazione. DONA ORA affinché io possa creare contenuti migliori. Grazie mille!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione.

Lascia un commento

shares