Libri: recensioni & interviste

A Trieste si riflette sull’esistenza con Margherita Hack

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

io-credo 2Un prete e un’atea che si interrogano sui principali temi che riguardano l’umanità, rispettando le posizione reciproche con intelligenza. Il prete è Pierluigi Di Piazza, l’atea è la scienziata Margherita Hack. Il terreno su cui si discute sono le pagine di un libro, dal titolo “Io credo”, edito da Nuova Dimensione.  Gli autori e la curatrice del libro, Mariella Chirico, stanno incontrando studenti e insegnanti per parlare dei concetti espressi nel testo, problematiche che riguardano la fede, l’etica, il senso della giustizia e che saranno al centro dell’incontro in programma a Trieste il 15 marzo, alle 11, a palazzo Gopcevich, nell’ambito della presentazione dell’iniziativa “Esistenze 2013”.

“Esistenze – Osservatorio sulle età della vita” è il progetto avviato dal CTA Gorizia – Centro Teatro Animazione, a cura di Roberto Piaggio ed Elisabetta Gustini, promosso con la collaborazione e il sostegno dell’Assessorato all’Istruzione della Regione FVG, della Provincia e del Comune di Trieste. Media partner: Il Piccolo – quotidiano di Trieste. “Esistenze” nasce nel segno di un incontro intergenerazionale con momenti reali di scambio e confronto fra centinaia di alunni delle scuole triestine, e vari gruppi di “anziani” della città. «Esistenze – spiega il curatore, Roberto Piaggio – vuole entrare in punta di piedi, con discrezione e rispetto, nella dimensione “parallela” dell’esistenza vissuta dagli anziani e dai bambini. Il teatro, in questo senso, diventa un mezzo ottimale, perché schiude una rappresentazione parallela della realtà». “Esistenze” punta a ricostruire e promuovere i legami intergenerazionali utili a favorire sia la partecipazione attiva degli anziani alla vita sociale, sia lo sviluppo della socialità in età scolare. Il rapporto diretto e interattivo tra i bambini e gli anziani incoraggia una “nuova etica” dei rapporti tra le generazioni, a partire dalla ridefinizione dei ruoli di coloro che partecipano al lavoro di gruppo: i laboratori prevedono la costante compresenza di anziani e bambini che supera la classica relazione racconto/ascolto. La manifestazione terminerà in piazza Unità d’Italia il 17 maggio 2013.

 

 

 

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Commenta