Libri: recensioni & interviste

A ROMA LA GRANDE LETTERATURA INTERNAZIONALE

© Sergej Khackimullin - Fotolia.com

Conto alla rovescia per l’ottavo appuntamento dell’XI edizione di Letterature Festival Internazionale di Roma che si concluderà il 21 giugno 2012. A fare da cornice all’evento la basilica di Massenzio al Foro Romano. Gli autori protagonisti delle serate di questa edizione – che  sono stati invitati a confrontarsi sul tema SEMPLICE/COMPLESSO – stanno leggendo  al pubblico testi inediti, attraverso i quali stanno indagando la dimensione della complessità e quella della semplicità nel pensiero e nella scrittura. Le letture sono in lingua madre e in alcuni casi i partecipanti sono introdotti da attori e attrici che leggono brani tratti da loro opere già edite in Italia.

LA SERATA DI DOMANI

La protagonista della serata sarà Vanessa Diffenbaugh con il suo testo inedito Una famiglia migliore, mentre Jeanette  Winterson,  per impedimenti legati alla sua salute, non potrà partecipare all’evento. Le renderà omaggio con la lettura del primo capitolo del suo ultimo libro Perché essere felice quando puoi essere normale la giovane autrice Carolina Cutolo, edita daFandango Libri. Nella seconda parte della serata, proseguendo la tradizione degli ultimi due anni, saranno ospitati i cinque autori finalisti del Premio Strega 2012.

VANESSA DIFFENBAUGH

È nata nel 1978 a San Francisco e cresciuta a Chico, in California. Si è laureata all’Università di Stanford in Scrittura Creativa e in Pedagogia. Successivamente ha insegnato arte e scrittura ai giovani in comunità disagiate. Lavora da anni in associazioni no-profit accogliendo e aiutando a inserirsi nella società giovani “problematici”, senzatetto e bambini in affido. È fondatrice di Camelia Network, una onlus su scala nazionale che assiste i ragazzi durante tutti i delicati passaggi dell’affidamento. Il linguaggio segreto dei fiori (2011) è il suo primo romanzo, pubblicato in Italia dalla casa editrice Garzanti. È una storia di sofferenza e riscatto, narrata con estrema delicatezza, ispirata alle esperienze dell’autrice tra i bambini e i ragazzi delle comunità d’accoglienza. Pubblicato in contemporanea in tutto il mondo, il libro è immediatamente diventato un fenomeno editoriale. Conteso da editori in tutti i continenti, dopo aste agguerrite e cifre da record è stato tradotto in più di trenta paesi. Vanessa Diffenbaugh è inoltre curatrice di una rubrica mensile sull’educazione dei figli nel giornale locale di Sacramento, città in cui ha vissuto a lungo prima di trasferirsi con la sua famiglia a Cambridge nel Massachusetts, dove vive attualmente.

JEANETTE WINTERSON

È nata a Manchester, in Inghilterra, nel 1959 ed è cresciuta, insieme ai suoi genitori adottivi, nella vicina cittadina di Accrington. La sua famiglia, molto religiosa, apparteneva alla working class britannica: suo padre era un operaio di fabbrica e sua madre una casalinga. Fin da bambina Jeanette mostra una fortissima inclinazione per la letteratura, spesso ostacolata dai genitori che consideravano la Bibbia l’unico libro degno di essere letto. A 16 anni, dopo aver preso piena coscienza della sua omosessualità, Jeanette abbandona la casa paterna e, dopo aver frequentato un liceo classico femminile, diventa lettrice di inglese all’Università di Oxford. In quel periodo Jeanette fa lavori di ogni tipo per mantenersi e proseguire la sua formazione. Dopo gli anni di Oxford lavora con diverse compagnie teatrali e a 26 anni scrive il suo primo romanzo Non ci sono solo le arance (1985). Lo stesso anno pubblica un libro di fumetti e fotografie intitolato Boating for beginners. Successivamente lavora per le case editrici che avevano pubblicato i suoi libri in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, pubblicando nel frattempo La passione (1987). Dopo l’esperienza nel mondo dell’editoria si dedica alla scrittura a tempo pieno, pubblicando Il sesso delle ciliegie (1989), Scritto sul corpo (1992), Arte e menzogne (1994), Simmetrie amorose (1997), Powerbook (2000), Il mondo e gli altri luoghi (2000), Il custode del faro (2004), Gli dei di pietra (2007), tutti editi in Italia da Mondadori. Jeanette Winterson ha ricevuto in tutto il mondo numerosi premi e riconoscimenti per i suoi romanzi e i suoi adattamenti cinematografici, televisivi e teatrali, tra cui: il Whitbread Prize, e il Prix d’argent del Cannes Film Festival. Nel 2006, inoltre, è stata insignita dell’Ordine dell’Impero Britannico per la letteratura. Scrive regolarmente per il “Times” e il “Guardian”. Attualmente vive tra Londra e un piccolo cottage nel Gloucestershire. Il suo ultimo libro è Why Be Happy When You Could Be Normal?, pubblicato in Gran Bretagna nel 2011 e nel 2012 in Italia con il titolo Perché essere felice quando puoi essere normale? dal suo editore Mondadori.

close

Salve, sono Maria Ianniciello. Grazie per aver letto l'articolo. Se ti è piaciuto il sito e il pezzo, iscriviti alla mia newsletter settimanale. Riceverai ogni lunedi una mail con gli articoli e i nuovi episodi del podcast, contenuti inediti, buoni sconto su libri e tanto altro!

Commenti

commenti

Salve, mi chiamo Maria Ianniciello. Cultura & Culture è un blog indipendente. Redigere articoli ed editare podcast di qualità richiede tempo e concentrazione. DONA ORA affinché io possa creare contenuti migliori. Grazie mille!

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Lascia un commento

shares