Libri: recensioni & interviste

A MUGGIA (TRIESTE) YOKO LENNON TITO. One conceptual event

La locandina

Dal 14 settembre 2012 al 14 ottobre 2012, in prima nazionale, approda a Muggia, a pochi chilometri dal confine italo-sloveno, l’evento “YOKO LENNON TITO-One conceptual event”, omaggio al simbolico incontro fra gli artisti e pacifisti Yoko Ono e John Lennon e il Maresciallo Josip Broz Tito, per quasi quarant’anni a capo del Governo jugoslavo, ma anche amante dell’arte e fotografo dilettante. A fine anni Sessanta Yoko e John inviarono a Tito, così come ad una cinquantina di leader mondiali dell’epoca, due ghiande da piantare in nome della pace nel mondo. Questa generosa azione d’arte pacifista entusiasmò Tito che piantò le ghiande nel parco della sua residenza presidenziale, dove sono cresciute due alte querce che oggi hanno quasi 45 anni, una scultura monumentale alla pace. Come hanno voluto Yoko Ono e John Lennon, queste querce rappresentano una sorta di scultura vivente monumentale, un monumento alla pace… Il progetto “YOKO LENNON TITO-one conceptual event”, dopo Novi Sad e Belgrado in Serbia, continua dunque il suo percorso nelle città dell’Alto Adriatico, quest’estate in Slovenia a Portorose, e ora in Italia a Muggia.

La grande mostra trasnfrontaliera, che si aprirà giovedì 14 settembre nelle due sedi del Museo d’Arte Moderna Ugo Carà e della Galleria Comunale d’Arte Giuseppe Negrisin – dove resterà allestita fino al 14 ottobre – è promossa dal Comune di Muggia, dal Comune di Pirano e dalle Obalne Galerije di Pirano, con il Ministero dell’Istruzione, Ricerca, Cultura e Sport della Repubblica di Slovenia, e con il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. La mostra è stata curata dalla Galleria Bel Art di Novi Sad, in collaborazione con il Museo di Storia jugoslava e l’Archivio della Yugoslavia.

close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Commenta