Libri: recensioni & interviste

A Chieti una mostra sull’Arte della prima guerra mondiale

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

Futuristi guerra1 Ci sono “Sarabanda finale” e “Soldati” di Mario Sironi e “Gli orrori della guerra” di Gaetano Previati. E poi ancora “Allegoria della Vittoria sull’esercito in marcia” di Plinio Nomellini, “Le Joueurs de cartes” di Fernard Léger e “Cadavere sul filo spinato” di Otto Dix. Il tema, come si può intuire, è sempre e solo uno: la guerra. In occasione del centenario dello scoppio del primo conflitto mondiale, la Fondazione Carichieti di Chieti ha appena inaugurato l’esposizione dal titolo “Sironi e la Grande Guerra. L’arte e la prima guerra mondiale dai futuristi a Grosz e Dix”. Allestita negli spazi di Palazzo de’ Mayo e visitabile sino al 25 maggio 2014, la mostra ha ricevuto l’Alto Patrocinato del Presidente della Repubblica ed è parte del ricco calendario ufficiale delle Commemorazioni del Centenario Prima Guerra Mondiale 2014/2018.

futuristi guerra2LA MOSTRA – Curata da Elena Pontiggia, l’esposizione raccoglie più di cinquanta opere realizzate da artisti del calibro di Giacomo Balla, Carlo Carrà, Fernand Léger, George Grosz, Otto Dix e Gaetano Previati e intende dedicare particolare spazio all’opera di Mario Sironi, futurista che insieme a Umberto Boccioni e a Fortunato Depero si è particolarmente distinto su scala europea. Artista protagonista della mostra, per la prima volta vengono analizzate le sue opere del periodo della prima guerra mondiale, quelle realizzate proprio tra il 1915 e 1918 e incentrate sul tema del conflitto.

futuristi guerra4Il percorso espositivo si apre con opere di maestri europei tra cui Léger, di cui è in mostra il disegno del 1915 “I giocatori di carte”, Otto Dix con “Schützengraben in der Champagne” (del 1916) e Grosz, con il suo tragico “1917”. In seguito è la volta degli artisti italiani: da Previati (Gli orrori della guerra, 1917) a Nomellini, (Allegoria della vittoria sull’esercito in marcia, 1919), passando per futuristi come Balla, Carrà, Depero, sino a raggiungere le sale interamente dedicate a Sironi. Ad aprire questa sezione della mostra ci pensano, nello specifico, le vignette satiriche contro gli austro-tedeschi: realizzate durante il conflitto, molte delle vignette esposte sono state realizzate per la rivista “Il Montello”. Accanto ai successivi e commoventi ritratti realizzati da Sironi a soldati e ufficiali, particolare attenzione la meritano due opere monumentali: si tratta della grande tela della “Vittoria alata”, eseguita nel 1935, e dell’imponente composizione “Soldati”, realizzata nell’anno successivo.

futuristi guerra5Scheda tecnica della mostra:

Fino al 25 maggio 2014

Palazzo de’ Mayo, Chieti

Orari: da martedì a venerdì dalle 10 alle 13, sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20. Chiuso il lunedì

Ingresso libero

Info: www.fondazionecarichieti.it

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Valentina Sala

Giornalista pubblicista. Tra i suoi campi di interesse soprattutto viaggi e cultura. Dopo una laurea di primo livello in Scienze della Comunicazione consegue la specialistica in Editoria con il massimo dei voti e con una tesi sul rapporto tra letterati e città, ricostruendo la Parigi di Émile Zola e la Vienna di Joseph Roth. Collabora con più giornali e riviste e affianca alla professione giornalistica quella di insegnante di Psicologia della Comunicazione. Tra le sue passioni i romanzi capaci di raccontare un luogo e un’epoca, i film di François Truffaut, il buon cibo, le città europee e, soprattutto, il viaggio inteso come modo per scoprire e confrontarsi con realtà diverse.

Commenta