culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Opinioni

Nati per leggere…

© olly - Fotolia.com
© olly – Fotolia.com

Qualche giorno fa ho ritrovato il numero 29 di Vivi Consapevole, una rivista gratuita. Sfogliandolo, mi sono appassionata alla testata per il taglio giornalistico e poi per la carta che è ecologica. Mi ha particolarmente colpito un articolo sulla lettura. A pagina 63 c’è la foto di una bambina intenta a leggere un libro di favole. Sull’immagine, a pochi centimetri dal volto della bimba, che deve avere all’incirca sei anni, c’è il titolo che ha catturato la mia attenzione: Nati per leggere. Il pezzo è a firma di Marianna Gualazzi che intervista Giorgia Cozza, autrice del libro “Me lo leggi? Racconti, fiabe e filastrocche per un dialogo d’amore con il nostro bambino” (Il leone d’oro 2012). Giorgia Cozza sostiene che la lettura sin dai primi mesi di vita è un gesto d’amore dei genitori verso i figli. Perché? Grazie alla lettura i tempi di attenzione del bambino si allungano, si crea l’abitudine all’ascolto, si sollecitano immaginazione e curiosità. La lettura è attenzione, tempo che un genitore dedica al suo piccino, è un appuntamento speciale, una pausa affettuosa tra mille impegni quotidiani. Ogni età ha una sua tipologia di libro. Ma non voglio soffermarmi su questo aspetto oggi. Piuttosto mi è sorto un interrogativo, a cui vorrei dare una risposta: ma se in Italia si legge in media un libro all’anno come si può tramandare il seme della lettura? Semplice: diffondendo questi concetti il più possibile.  Dietro un libro ci sono l’esperienza e il sapere di un’altra persona che in quel momento si mette a servizio del lettore che è in cerca perenne, a volte inconsapevole, di risposte. Voi e io sappiamo che la mente ogni giorno sente il bisogno di porsi un obiettivo e, se non lo trova nelle cose “nobili”, lo cerca negli elementi negativi della società. Perciò alleniamo la nostra mente alla cultura e in questo caso alla lettura; un libro può essere sia sui ipad sia su Kindle sia su carta. L’importante è leggere! Da parte mia si acuisce l’impegno a diffondere la cultura e in particolare la lettura consapevole, perché un libro non va solo sfogliato o letto tanto per passare un po’ di tempo ma va capito, interiorizzato. Quindi io e tutti i componenti della redazione ci impegneremo a raccontarvi eventi letterari, a recensire libri e a favorire lo scambio di idee su Cultura & Culture, il quotidiano online che fa approfondimento giornalistico!

Maria Ianniciello

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Leave a Reply

shares