culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Opinioni

Il corpo: fermati e ascolta il suo linguaggio, ecco come si fa!

Il corpo ha un suo linguaggio. Esso è una fucina di emozioni e, se ascoltato, può farci capire molto di noi e di quello che desideriamo veramente. Ci sono sentimenti che ci ostiniamo a rifiutare. Esistono nello specifico delle condizioni che ci inchiodano e ci immobilizzano, rendendoci inerti, incapaci di reagire, forse perché abbiamo paura di provare tristezza, angoscia, panico e disperazione, eppure questi stati d’animo, se non rinnegati, possono condurci a casa, cioè nel giardino fiorito della nostra essenza più profonda.

La vita è a volte un’eterna lotta tra quello che l’anima desidera e il nostro sistema di credenze ci impone. Quest’ultimo è inculcato dallo schema sociale e genitoriale che si ripete costantemente. Per uscirne bisogna diventare consapevoli di ciò che ci blocca e far diventare conscio ciò che è inconscio. Poi è indispensabile modificare lo schema con l’ausilio di esperti e tramite esercizi riabilitativi come la respirazione diaframmatica per esempio. Ma spesso siamo sordi al linguaggio del corpo perché i ritmi quotidiani sono fin troppo frenetici e ci impediscono di ascoltare veramente. Cosa ci accade nel quotidiano?

corpo linguaggio

Veloci come il vento (tanto per citare il film che ha fatto vincere a Stefano Accorsi il David di Donatello come migliore attore) calchiamo l’onda dimenticando di tendere l’orecchio verso il nostro corpo per comprenderne il proprio specifico linguaggio. Utilizziamo, quindi, i social e i gruppi Whatsapp come una sorta di finestra sul mondo quando in realtà tutta la nostra anima vorrebbe un contatto umano bypassando lo schermo di un Pc, di un Tablet o di un iPhone. Chiusi nelle nostre case e nelle nostre misere esistenze, può capitare che ci illudiamo di essere al centro di tutto dimenticando che siamo un puntino molto piccolo in uno spazio tanto grande che chiamiamo Vita, di cui noi facciamo parte.

Per nutrircene sarebbe opportuno che abbracciassimo il flusso vitale lasciandoci andare. In  modo da coglierne la bellezza acuendo i nostri cinque sensi e stabilendo un contatto con ciò che non vediamo. Internet è uno strumento molto valido se usato con parsimonia, ma quando diventa l’unico contatto con l’esterno allora si trasforma in una prigione per il nostro corpo. Può anche succedere che usiamo il web per creare uno spartiacque tra noi e gli altri, come per proteggerci dalle reazioni più viscerali altrui e soprattutto dalle nostre emozioni primordiali che creano tensione in noi. Eppure, accogliendo i lati ombra e beneficiando della nostra luce riusciamo a vivere in modo più autentico.

Tutte le persone hanno fame d’amore. A chi non fa piacere ricevere conforto tramite magari una carezza in un momento difficile? Internet non ci permette di ricevere e neanche di dare amore. I contatti visivi, uditivi, olfattivi e tattili al contrario (se sono salutari) ci rafforzano irrobustendo il nostro sistema immunitario, come hanno evidenziato alcune ricerche scientifiche sapientemente illustrate in uno dei capitoli del libro La grande via. Un aiuto ci arriva anche dal Cinema.

Il protagonista del film Her, Theodore Twombly, è un uomo solo che vive in uno comunità dove i rapporti umani vengono tenuti in vita tramite congegni tecnologici. Theodore – interpretato da Joaquin Phoenix – si innamora del proprio sistema operativo che ha una voce femminile e che lui chiama Samantha. Il protagonista di Her rifiuta qualsiasi rapporto umano. Vi consiglio di vedere questa pellicola perché esemplifica quanto ho scritto in questo articolo. Dunque, la tecnologia va bene ma a patto che essa non gestisca le nostre esistenze rafforzando gli schemi mentali più deleteri e facendoci diventare degli automi. Il web rischia di atrofizzare il nostro spazio interno proprio come i ritmi frenetici che ci ostiniamo a perseguire magari per non ascoltarci veramente. Il corpo, tramite un suo specifico linguaggio, ha tuttavia tanto da raccontarci. Basta fermarsi un attimo ad ascoltare…

corpo

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares