Opinioni

Amiche per la pelle, ma poi qualcosa ci mise lo zampino…

thelma e louise
Un’immagine del film Thelma e Louise

Ho scritto diversi editoriali sulle donne, eppure penso che non sia mai abbastanza, penso che “la macchina del fango” – come la definisce Roberto Saviano e come ho più volte ricordato anche nell’articolo “Donne! Il potere è in voi” – è sempre in azione, sotto vesti diverse; tante volte  a gettare il fango sono proprio le donne che, riprendendo quanto scritto nel pezzo “Donne che giudicano altre donne”,  spesso non riescono a unire le forze. A tal proposito voglio raccontarvi una storia magica eppure così tristemente reale. Le protagoniste sono due amiche per la pelle, unite più che mai da un legame che sembrava indissolubile, agguerrite e con tanti sogni nel cassetto. Ma il passaggio dall’adolescenza all’età adulta è spesso traumatico e nasconde molte insidie: a volte una frase non detta, un aiuto mancato oppure parole pronunciate con troppa leggerezza ma anche l’assenza di un chiarimento possono rovinare un rapporto nato durante l’infanzia. La domanda è: può un’amicizia farsi travolgere dalle circostanze della vita? No, non può. Se è una vera amicizia, non può. Questa l’opinione corrente. Eppure, abbattendo le barriere dell’Ego, ci si rende subito conto che la vita è come un sentiero, lungo il quale incontriamo persone  che camminano, spesso inconsapevoli, su percorsi non analoghi al nostro. Perché si tratta solo di un’altra strada che si interseca con la nostra. Niente di più. Ogni individuo procede con una propria andatura verso la maturazione. Le due amiche dovevano quindi prendere vie diverse per la loro evoluzione spirituale e intellettuale. La separazione, però, può essere dolorosa, se non per entrambe almeno per una. Ed è proprio per far fronte a questo profondo dolore che nasce il conflitto, il quale si acutizza perché a provarlo è una donna, con una sua natura ciclica e con una sua autostima, il più delle volte resa al minimo dalla società. A questo punto nascono il rancore e quindi il giudizio per le scelte dell’altra. Donne contro altre donne, le quali potrebbero crescere ed evolversi magari prendendo spunto da quell’amica che ha raggiunto un obiettivo, come la nascita di un figlio oppure un successo lavorativo. Non ha importanza quale esso sia. L’importante è che ogni scelta venga fatta liberamente senza alcun condizionamento. Soltanto così si potrà solo provare gioia per il buon risultato conseguito da una vecchia amica…

Maria Ianniciello

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube (Marica Movie and Books). Curo la rubrica Bimbi al cinema sul blog Ricomincio da quattro di Adriana Fusè.

Lascia un commento

shares