Opinioni

A16, l’incidente del pullman: solo una tragica fatalità?

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

Incidente Pullman A16E` difficile, anzi quasi impossibile, commentare quanto è accaduto ieri sera, 28 luglio 2013, sulla A16, l’autostrada che collega Napoli con Bari. Un’arteria maledetta, impervia, che si snoda quasi interamente tra le montagne. Qui, all’altezza di Monteforte Irpino (Avellino), in direzione Napoli, un pullman si è schiantato contro il guardrail precipitando in un burrone, con un volo di 30 metri. A bordo c’erano più di quarantotto persone, di cui trentotto decedute. La dinamica dell’incidente è tutta da accertare: c’è chi racconta di una frenata, di cui però non esistono tracce; chi parla di un possibile scoppio di uno pneumatico. Il pensiero però corre alle famiglie che in queste ore stanno identificando i loro parenti nella palestra della scuola media di Monteforte Irpino. A loro va il cordoglio della redazione di Cultura & Culture.

A16 ItaliaTuttavia in questi casi qualche riflessione, seppur breve, occorre farla. Percorro quel tratto autostradale spesso, perché vivo in Irpinia e per andare a Napoli devo per forza di cose, in auto oppure in pullman, attraversare quelle montagne. E so che i lavori in corso lì, come anche in altri punti dell’A16, sono una costante. Si lavora quasi tutto l’anno. Il perché non è dato saperlo. La manutenzione andrebbe fatta solo in alcuni periodi e soprattutto non tra luglio e agosto quando l’arteria è particolarmente frequentata, perché i napoletani per andare in Puglia, in un tempo di viaggio ragionevole, hanno un’unica chance: prendere l’A16. Dovete sapere, cari lettori, che ci seguite da tutta Italia, che in Irpinia non esiste una linea ferroviaria e che la costruzione dell’alta capacità Napoli-Bari è prevista entro il 2028. Questo territorio che collega la Puglia con la Campania può essere percorso solo in auto o in pullman. Alternative non ce ne sono. Questo è uno dei motivi per cui l’A16, dove tra l’altro le corsie di emergenza sono in alcuni tratti inesistenti, è una delle autostrade più pericolose della penisola. Sulla modalità di costruzione si potrebbe aprire una lunga parentesi, ma non ci sembra questo il contesto adatto. Tuttavia bisogna ricordare che dietro un effetto c’è sempre una causa e che non esistono le tragiche fatalità…

Maria Ianniciello

 

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008.
Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana.
Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio.
Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali.
Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'.
Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv).
Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia.
Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare.
Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Lascia un commento