Non solo Cinema Recensioni film

The Lazarus Effect: trailer, trama e recensione

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

In sala dal 21 maggio, The Lazarus Effect è un horror soprannaturale di David Gelb che si prepara a regalare brividi e sussulti, tra echi evangelici e il mito di Frankenstein. La trama, la recensione e il trailer del film.

the-lazarus-effectStupisce, più che la solita, furbetta operazione di marketing dell’horror low cost dietro la quale c’è la Blumhouse, casa di produzione della triade malefica Sinister, Insidious e Paranormal Activity, la scelta di un talentuoso documentarista, David Gelb, di accettare la sceneggiatura di Luke Dawson e Jeremy Slater e di prendere quindi parte al progetto dietro la macchina da presa. The Lazarus effect è un ibrido riuscito male che prova a racchiudere più anime al suo interno, meglio se dannate, visto che si parla di inferni, telecinesi e vita post-mortem. La storia inizia con la solita ripresa amatoriale di un esperimento condotto in laboratorio su un maiale esanime. Il team di giovani ricercatori guidati dalla coppia Frank e Zoe, ci riprova con un cane, anch’esso morto. Ma qual è il loro intento? Iniettare un prodigioso farmaco dal nome evangelico, Lazarus, per far risvegliare le bestie. Il cane si risveglia, ma inizia a comportarsi in modo strano e diventa pericoloso. Lo sarà ancora di più Zoe (Olivia Wilde), quando, in seguito a un incidente durante un esperimento, rimane uccisa da una scarica elettrica e Frank decide che non se ne andrà così. La collega all’apparecchio, le inietta il siero e spalanca la via ad una “piccola morte” appena vomitata dalle fiamme dell’inferno. Le conseguenze saranno, com’è prevedibile, disastrose per tutti i componenti della brigata scientifica. Dopo una prima parte eccessivamente lenta e macchinosa in cui i personaggi si dilettano in inutili spiegoni mentre cercano di familiarizzare con lo spettatore a suon di cliché, segue una seconda metà più dinamica, dove il ritmo si alza, ma la tensione rimane labile, trascinata, perché la paura, instillata attraverso corpi che fanno capolino dall’oscurità e rumori improvvisi con notevole “effetto salto” grazie alle amplificazioni sonore, è un sentimento riciclato. Gelb, per quanto dotatissimo nella nobile arte del documentario “alimentare” (il suo Jiro e l’arte del sushi è stato la sorpresa del 2011), quando si cimenta con l’horror non riesce a sembrare nemmeno la brutta copia di James Wan o del nostro Lorenzo Bianchini, autori new horror ispirati e originali nelle scelte narrative e nel concepimento di un immaginario coerente. Il vero punto debole del film sta proprio nella sceneggiatura che mescola troppe suggestioni leggendarie e le amalgama in modo posticcio, scimmiottando solamente le diverse fonti prese in esame. E così i dottori che giocano come Frankenstein tra la vita e la morte si mettono a resuscitare un novello Frankenweenie, creano uno “scanner” con le sembianze della donna di Frank, una Olivia Wilde encomiabile per quanto si cali nella parte tutta guizzi e scatti nervosi. Come Xabaras di Dylan Dog, risvegliano dal sonno eterno corpi già consegnati ai loro inferni personali, che, a differenza degli zombie di Romero, di Walking Dead o dell’ “indagatore dell’incubo”, non impazziscono biascicando parole senza senso ma acquistano poteri paranormali tra cui la telepatia e la telecinesi. Al di là di qualche buona sequenza – le apparizione di Zoe con occhi nerissimi e viso deformato, le allucinazioni oniriche tra le fiamme del laboratorio in penombra – The Lazarus effect è un film anonimo, indistinguibile dai tanti horror che sono in circolazione. I veri brividi li mette il finale, perché la scena conclusiva sembra prospettare un potenziale sequel.

Trailer di The Lazarus effect

Voto: [usr 1.5]

Vincenzo Palermo

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Vincenzo Palermo

Vincenzo Palermo

Nato a Catanzaro, si laurea in Lettere moderne a Bologna, con tesi sul Decameron fantastico. Grande appassionato di cinema e letterature medievali, collabora con portali e siti di critica cinematografica, dedicandosi alla scrittura di recensioni e articoli di approfondimento tematico. Campi di interesse: classici del muto, grandi autori europei, New Hollywood e tendenze sperimentali del cinema moderno.

Lascia un commento