culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Senza categoria

Ritorno al Marigold Hotel: trailer e recensione

Ritornano nelle sale i personaggi del Marigold Hotel. Il trailer di Ritorno al Marigold Hotel, con trama e recensione. 

ritorno-al-marigold-hotelNon è mai troppo tardi per cambiare vita e per sognare. Non è mai troppo tardi per ridere fino alle lacrime e per fare del bene a uno sconosciuto. E – anche se tutti questi buoni propositi sembrano roba da deboli, come afferma Edward Cole (Jake Nicholson), protagonista del film “Non è mai troppo tardi” (2007) con Morgan Freeman – ritoccando qua e là la lista del capolinea si può fare ancora meglio. Questo sicuramente è lo spirito che anima i protagonisti di “Marigold Hotel” (film del 2012 basato sul libro di Moggach Deborah), i quali anche nel sequel “Ritorno al Marigold Hotel” – uscito al cinema il 7 maggio 2015 – si mettono in discussione, si innamorano e sognano grandi cose, nonostante la veneranda età. Sì, avete capito bene, i personaggi della commedia sono degli arzilli anziani che, nel primo film, avevano lasciato gli Stati Uniti per andare a vivere nella terra della Spiritualità: l’India descritta meticolosamente da Dominique Lapierre. Al centro del sequel? Le avventure di questi anziani e del proprietario dell’Hotel, Sonny Kapoor, interpretato da Dev Patel (The Millionaire). Sonny si reca negli Stati Uniti con la sua socia Muriel Donnelly (Maggie Smith) per chiedere un finanziamento che consenta loro di ingrandirsi. Un ispettore dovrà, però, accertarsi che il Marigold Hotel, struttura per soli anziani, sia adeguata. La macchina da presa di John Madden ci riporta in India. Non induce però troppo sui dettagli, perché si concentra soprattutto sulla vita degli ospiti dell’Hotel, che qui hanno trovato un senso di pace e di benessere, e sulle nozze di Sonny con la bella Sunaina. “Ritorno al Marigold Hotel”, con un cast arricchito di nomi importanti, come Judi Dench e Richard Gere, ci diverte senza rinunciare a qualche perla di saggezza; sono da trascrivere le massime del filosofo taxista. Sua, infatti, la frase che dà un profondo significato a tutto il film: “A volte si vince e a volte si impara!”.

Trailer di Ritorno al Marigold Hotel

Voto: 3 out of 5 stars (3 / 5)

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares