La recensione di Polvere e gas, l’ep di Sara Velardo

Sara Velardo
Sara Velardo

Sara Velardo, nata e vissuta a Bagnara Calabra (RC), è una cantante e polistrumentista diplomata in teoria e solfeggio. Trasferitasi  a Lecco nel 2002, l’artista è già nota per aver conseguito il premio “Musica Contro le Mafie” e, dopo essersi esibita dal vivo in tutta Italia, la cantautrice sta per pubblicare un EP intitolato “Polvere e Gas”, atteso per il 28 gennaio 2014.

COPERTINA VERLADOCOPERTINA VERLADOCOPERTINA VERLADOCOPERTINA VERLADOLa vocalità intensa, peculiare, profonda eppure pulita e priva di sbavature di Sara è la chiave di lettura per sei brani ricchi di contenuti importanti: l’amore in tutte le sue forme, l’omofobia, l’attualità, la corruzione, l’omertà, la malavita, l’umanità. Il suo mondo ideale è libero dai pregiudizi e dalla discriminazione.

copertinaxnina (2)Sara Velardo canta e denuncia i patrimoni culturali che svaniscono e che si sciolgono nella title track “Polvere e gas”, elenca in maniera diretta i mali italiani che cacciano i giovani i quali, sempre più spesso, partono e non ritornano. La paura del diverso viene affrontata con lucida delicatezza in “Il mio amore immenso”, brano in cui il vocalizzo corale regala una sensazione di vicinanza tribale a chi è costretto a subire i soprusi di chi non accetta l’altro. “Solo seta” rappresenta, invece, l’espressione di una forte inquietudine interiore, la presa di coscienza e la consapevolezza che non basterà un profumo per ricomporre e materializzare il ricordo di un’immagine passata; è il momento di voltare pagina. Il sound della ballad intitolata “Ad occhi chiusi” è più solare, protagonista del brano è il tempo, un tempo che non è mai abbastanza e che scandisce, ossessivamente, le giornate di un individuo alienato da sé stesso. “Ospiti della tua testa” è la descrizione di una persona apparentemente piena di sé, tuttologa e tuttofare, che predica bene e razzola male mentre “’Ndrangheta” racchiude l’essenza di una denuncia importante che, quasi nella forma di filastrocca, lascia che sia proprio il dialetto calabrese a tracciare le linee che forse potranno finalmente unire dei puntini sospesi da fin troppo tempo.

 Raffaella Sbrescia

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Raffaella Sbrescia

Raffaella Sbrescia

Raffaella Sbrescia è una giornalista iscritta all'ordine dei Giornalisti della Campania dal 2010 e blogger per il blog musicale "Ritratti di note". Dopo la laurea triennale in Lingue, culture e letterature dell'Europa e delle Americhe ha conseguito la laurea magistrale in Lingue e Comunicazione Interculturale in Area Euromediterranea presso l'Università degli Studi di Napoli l'Orientale con il massimo dei voti. Da sempre interessata al mondo della musica, dell'antropologia, dei viaggi e della letteratura, per Cultura & Culture è responsabile della sezione eventi e spettacoli.

Lascia un commento