Non solo Cinema

La Rai compie 60 anni: il bilancio di un compleanno amaro

logo-rai-originale1Sessant’anni fa, il 3 gennaio 1954,  l’Italia conosceva la televisione attraverso un unico canale, quello della Rai – Radio Televisione Italiana. Fulvia Colombo, la prima signorina buonasera, prendeva per mano lo spettatore e lo introduceva, dunque, nel magico mondo del tubo catodico dove ogni sogno poteva diventare reale. “Mamma Rai” è stata per tanti anni il punto di riferimento del popolo italiano, l’istituzione mediatica per eccellenza, garanzia di qualità, informazione, cultura… in una parola: aggiornamento. Professionalità, impegno e un grande dispiego di energie, risorse e mezzi hanno reso l’azienda una presenza costante e stabile nelle case degli italiani: storia e tradizione sono, da sempre, i grandi fiori all’occhiello di una politica aziendale concepita tenendo chiara la mission di fornire un servizio pubblico all’utente. Oggi, a sessant’anni da quel 3 gennaio, ci si chiede, però, quali siano le prospettive di una rete vittima dell’inarrestabile boom mediatico che vive il mondo, all’alba del 2014. Urge una riscrittura, un processo di cambiamento necessario per tornare a fare in modo che la Rai torni ad essere il baluardo dell’aggiornamento. Per rilanciare la Rai servono sicuramente tanti soldi ma serve anche il coraggio e la voglia di rischiare, di voltare pagina una volta per tutte, di staccarsi dalle catene e dai dettami della politica, di lasciare che i vecchi punti di riferimento vengano salutati con doveroso rispetto e gratitudine, ovviamente. La Rai ha bisogno che il nuovo possa finalmente avanzare per tornare ad interessare il pubblico, a coinvolgerlo, ad emozionarlo, ad istruirlo. Il futuro è una sfida ma quello che oggi fa paura, domani potrà essere storia.

Raffaella Sbrescia

close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Raffaella Sbrescia

Raffaella Sbrescia è una giornalista iscritta all'ordine dei Giornalisti della Campania dal 2010 e blogger per il blog musicale "Ritratti di note". Dopo la laurea triennale in Lingue, culture e letterature dell'Europa e delle Americhe ha conseguito la laurea magistrale in Lingue e Comunicazione Interculturale in Area Euromediterranea presso l'Università degli Studi di Napoli l'Orientale con il massimo dei voti. Da sempre interessata al mondo della musica, dell'antropologia, dei viaggi e della letteratura, per Cultura & Culture è responsabile della sezione eventi e spettacoli.

Commenta