Non solo Cinema

Facciascura, la recensione dell’album “Stile di vita”

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

Stile_di_Vita_Facciascura_COVER“Stile di vita” è il secondo album dei Facciascura, la band veronese composta da Carlo Cappiotti (voce), Francesco Cappiotti (chitarra elettrica e acustica, piano elettrico), Christian Meggiolaro (basso), Simone Marchioretti (batteria) e Philip Romano (chitarra elettrica). L’album si compone di undici tracce intrise di rabbiosa energia. Registrato da Luca Tacconi e prodotto da Andrea Viti, questo lavoro discografico veleggia grazie all’inchiostro della penna di Francesco Cappiotti e ad un sound che, attraverso un mix di grunge/stoner e ampi tratti hardcore, riesce a scardinare il muro del vecchio.
L’album vanta, inoltre, tre prestigiose collaborazioni: la prima è quella di Paolo Benvegnù nel brano sofisticatamente elettrico, intitolato “Uragano”. “New songs are no good” è, invece, il momento in cui Shawn Lee, polistrumentista e collaboratore di Jeff Buckley, congiunge e riunisce le sponde di due mondi sonori miscelando elementi di  grunge/stoner con venature di rythm and blues. La terza collaborazione è quella con il noto percussionista Alessandro “Pacho” Rossi che si è divertito a ridisegnare le percussioni dell’ unica cover presente nel disco ovvero la rivisitazione del brano dei Doors “Maggie M’Gill”.

Facciascura
Facciascura

I Facciascura piacciono perché nelle loro canzoni si usano spesso dei simboli e in questo modo riescono a parlare di temi importanti senza, tuttavia, essere facilmente classificabili. “Vj”, “Stile di vita” e anche “Alaska” tracciano un’idea molto precisa dei rapporti umani nell’epoca dell’apparenza: una coltre di ghiaccio tiene unite relazioni di facciata, pronte a sciogliersi in uno schiocco di dita. “L’amore è un’intercapedine, più ci fa soffrire, più ci avvicina”, cantano i Facciascura in “Intercapedine” mentre “la sensazione di essere al confine di qualcosa” in “Vuoi sapere perché non dormo più di notte?” evoca i demoni del nuovo millennio. L’originalissima carica di “Green Light” è la dose di energia più pura in tutto il disco, sebbene lo sparatissimo “mai” urlato a squarciagola in “L’anima è il gatto” rappresenta uno dei momenti più travolgenti: mai esitare nel “miagolare” al mondo la propria paura, d’altro canto ammettere di averne è già un modo per affermare la propria umanità.

Raffaella Sbrescia

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Raffaella Sbrescia

Raffaella Sbrescia è una giornalista iscritta all'ordine dei Giornalisti della Campania dal 2010 e blogger per il blog musicale "Ritratti di note". Dopo la laurea triennale in Lingue, culture e letterature dell'Europa e delle Americhe ha conseguito la laurea magistrale in Lingue e Comunicazione Interculturale in Area Euromediterranea presso l'Università degli Studi di Napoli l'Orientale con il massimo dei voti. Da sempre interessata al mondo della musica, dell'antropologia, dei viaggi e della letteratura, per Cultura & Culture è responsabile della sezione eventi e spettacoli.

Commenta