Zero rifiuti: cinque strategie per cominciare a provare

Lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani è una brutta gatta pelare per la Comunità Europea e quindi anche per l’Italia, come si legge in una nota diffusa da Legambiente il 21 marzo scorso.

Il problema dei rifiuti è imponente anche oltreoceano e nei Paesi in via di sviluppo. E pure in questo caso la disparità tra aree ricche e zone povere del globo è piuttosto marcata.

Ci sono poi enormi interessi e giochi di potere anche sul riclico tanto che Il Sole 24 ore parla di una vera e propria guerra dei rifiuti tra Usa e Cina. Il meccanismo che c’è dietro lo smaltimento e il riciclaggio è particolareggiato e ci riporta alla mente il clima tensivo della Guerra Fredda. Il passato dovrebbe insegnare eppure ciò non accade.

Da mamma e professionista ritengo che una vera rivoluzione in ambito ambientale possa e debba partire dal basso. In che modo?

zero rifiuti

Mettendo in atto una serie di strategie. Io ve ne propongo al momento cinque con la promessa che ritornerò a scrivere o a parlare, attraverso i video che pubblico sul mio canale Youtube, di rifiuti e sostenibilità con una maggiore cadenza perché il problema esiste e non può essere sottovalutato.

Bisogna dimezzare la produzione dei rifiuti domestici, in modo particolare della plastica. Ve ne ho parlato in un articolo ad hoc che trovate qui.

ZERO RIFIUTI O QUASI: CINQUE STRATEGIE

Ed ecco le cinque strategie che ti propongo.

Bevi l’acqua del rubinetto; in questo modo useraioi solo caraffe e bottiglie di vetro.

Usa una borraccia al posto delle bottiglie di mezzo litro. La trovi qui.

Usa spugne lavabili per i piatti. Le trovi qui.

Usa dischetti struccanti in cotone e bamboo. Li trovi qui.

Usa buste di tela per la spesa.


Per approfondire sulla mission Zero rifiuti


Zero Rifiuti in Casa
100 astuzie per alleggerirsi la vita e risparmiare
Voto medio su 5 recensioni: Da non perdere
€ 16,90

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Lascia un commento