Natura

Festa dei nonni. A te, cara nonna: matriarca dall’aspetto rude e l’andatura fiera

SEGUICI SU FACEBOOK. OGNI MERCOLEDI UNA DIRETTA

Oggi 2 ottobre è la festa dei nonni e anche il doodle di Google ce lo ricorda. Questo articolo per me ha un sapore agro-dolce e vi spiego perché, se avete la pazienza di leggere.

La scrittrice Louisa May Alcott conosceva l’animo umano, in particolare quello femminile, molto bene. Autrice della serie di romanzi Piccole donne, e di altri libri affermò che in ogni casa c’era bisogno di un nonno. Non so perché mi viene in mente proprio la Alcott mentre sto scrivendo questo articolo, forse, pensandoci bene, perché leggevo i suoi meravigliosi romanzi quando ero bambina a casa della mia nonna materna in quelle lunghe estati trascorse con lei in aperta campagna, tra l’odore acre del tabacco coltivato negli anni Ottanta nell’Irpinia del post sisma e il verso del gallo al mattino che segnava l’inizio di una nuova giornata.

Lei era Maria, la mia nonna più dolce e accogliente. Dall’altra parte c’era Maria Carmela (dalla quale prendo il nome), da tutti conosciuta come zia Menuccia la lattara, proprio perché portava il latte nelle case la mattina presto. Menuccia la lattara camminava con andatura fiera tra le strade dissestate e malconce di un paese in divenire ma dalla storia lunga che risale ai longobardi.

festa dei nonni

Nonostante fosse analfabeta, questa donna minuta conosceva la moneta meglio di un uomo. Sapeva fare affari e, quando l’ho vista nella bara mortuaria poche settimane fa, mi è sembrato ancora una volta che si prendesse gioco di tutti: vestita a festa,  con la collana e gli orecchini di perle, era una matriarca e, guardandola, mi è sembrato che mi lasciasse un messaggio di fiducia e incredibile forza di volontà.

Dopo di lei ci siamo noi nipoti e io, figlia femmina di una generazione di lavoratori e di migranti, sento forte il richiamo delle sue radici. L’ho sentito nel momento in cui dopo dieci giorni dalla nascita di Emanuele – avuto con un parto cesareo d’urgenza – mi sono messa al volante incurante di chi mi diceva che dovevo stare a casa. Lo sento quando cerco di dare il mio personale contributo attraverso il lavoro di giornalista/naturopata che considero una missione oltre che una passione. Nonna Menuccia è stata un esempio, per me.

E oggi, in occasione della festa dei nonni, se dovessi paragonarla ad una dea dell’Olimpo sarebbe un mix di Artemide e Demetra. Contadina, madre e moglie è stata soprattutto una donna coraggiosa, di altri tempi, che per me adesso ha il sapore e l’odore del pane appena sfornato, della pasta fatta in casa, della pizza casereccia, del mosto… del grano appena raccolto. Andare da lei era bello. Stare con lei era bello, nonostante il suo aspetto fosse poco rassicurante, perché nonna eccelleva nell’essere rude. Io ad ogni modo le ho volute bene anche per quei lati oscuri che ciascuno di noi possiede e che mai vanno rinnegati.

La sua morte mi è piombata  addosso all’improvviso in uno dei momenti più belli della mia vita, tanto da non consentirmi di metabolizzare appieno il lutto. So però che la sua vita è stata significativa, oltre che lunga. Sono consapevole che oggi, come ieri, tutto il suo essere vive in me. Grazie nonna per ciò che sei stata e per quanto sei riuscita a trasmettermi consciamente ed inconsciamente. Auguri a te e agli altri miei tre nonni. Auguro, inoltre, a mio figlio di vivere la mia stessa straordinaria esperienza. Buona festa dei nonni a tutti. (Articolo di Maria Ianniciello)

close

Salve, sono Maria Ianniciello. Grazie per aver letto l'articolo. Se ti è piaciuto il sito e il pezzo, iscriviti alla mia newsletter settimanale. Riceverai ogni lunedi una mail con gli articoli e i nuovi episodi del podcast, contenuti inediti, buoni sconto su libri e tanto altro!

Commenti

commenti

Salve, mi chiamo Maria Ianniciello. Cultura & Culture è un blog indipendente. Redigere articoli ed editare podcast di qualità richiede tempo e concentrazione. DONA ORA affinché io possa creare contenuti migliori. Grazie mille!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione.

Lascia un commento

shares