Di tutto un po'

Terremoto in Nepal, Medici Senza Frontiere: zone rurali a rischio

 

©MDF
©MDF

Oltre 7mila i morti. Più di 14mila i feriti. Gli sfollati non si contano più ormai. In Nepal i numeri della catastrofe continuano a salire. Il Paese asiatico è stato scosso da un violento terremoto il 25 aprile scorso e da allora la macchina delle emergenze si è attivata in tutto il mondo per aiutare la popolazione. Mentre l’occhio delle telecamere e la penna della stampa e del web, pian piano escono dalla scena facendo calare il sipario sulle conseguenze del violento terremoto in Nepal, le Organizzazioni e le Associazioni internazionali sono pienamente operative sul campo. Medici Senza Frontiere ha all’attivo diverse equipe nel Paese. L’obiettivo, come sempre: aiutare i malati.

«Ci sono due scenari in Nepal. A Kathmandu la situazione è alquanto gestibile perché non sono crollate molte strutture, ma nelle zone rurali tutto cambia. Molti villaggi sono stati interamente rasi al suolo e abbiamo difficoltà a raggiungere queste aree, poiché le strade non sono percorribili con mezzi di trasporto, quindi bisogna arrivarci a piedi o in elicottero che presenta i suoi problemi perché è costoso e bisogna fare i conti con le autorizzazioni per il volo in caso di maltempo», spiega a Cultura & Culture Stefano Zannini, responsabile del dipartimento supporto alle operazioni di MSF. «Nella prima fase abbiamo dovuto far fronte alle infezioni, alle quali si sono aggiunte, nella seconda fase, altre problematiche come le patologie respiratorie. Bisogna comunque in questo momento evitare le epidemie di colera, di tifo e di morbillo».

©MDF
©MDF

Come operano i Medici Senza Frontiere in questi casi? «MSF ha un fondo per le emergenze, con il quale s’interviene subito senza fare appello alla solidarietà dei donatori. Sono necessari infermieri, chirurghi e materiale sanitario. Bisogna verificare su quali ospedali si può contare e in quale zona creare l’ospedale da campo», sostiene Zannini, che aggiunge: «Le strutture ospedaliere di Kathmandu hanno risposto abbastanza bene all’emergenza». Tuttavia non bastano. Il primo maggio è, infatti, atterrato il cargo con l’ospedale gonfiabile di MSF; tutto questo mentre – si legge sul portale dell’organizzazione umanitaria – numerose equipe aiutano altri settanta Paesi del mondo.

Per aiutare MSF: Dona 

m.i.

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube (Marica Movie and Books). Curo la rubrica Bimbi al cinema sul blog Ricomincio da quattro di Adriana Fusè.

Lascia un commento

shares