culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Senza categoria

Suite Francese, film che coinvolge: trama e recensione

La trama del film Suite Francese, la recensione e il trailer 

Valutazione film 4 out of 5 stars (4 / 5)

 

Suite-Francese-Film-trama-recensioneCoinvolgente. Emozionante. Come sa essere solo una storia d’amore narrata con il cuore e con l’obiettivo, perfettamente raggiunto, di dare voce ai personaggi attraverso la carica emotiva del cinema. Suite Francese è un film che non ci può lasciare indifferenti. Fino all’ultimo la macchina da presa di Saul Bibb, seguendo con ritmo cadenzato le vicende dei protagonisti, ci fa sperare nell’amore visto come sentimento che può nobilitare anche un nazista innamorato. L’odio tra nazioni scompare in un uomo e una donna che si amano, mentre l’attrito che c’è tra i membri di una stessa comunità si acuisce, perché i piccoli conflitti si amplificano in un ambiente di guerra, dove l’amore vero, anche se messo a dura prova, non sfiorisce, come del resto l’odio che si rafforza fino all’inverosimile. Gli abitanti dell’immaginaria Bussy, una cittadina alle porte di Parigi, sono contraddittori nelle loro ipocrisie. I perbenisti vanno temuti più di chi si finge arrogante e austero, come il personaggio di Kristin Scott Thomas, glaciale suocera di Lucile Angellier interpretata da una superlativa Michelle Williams. Siamo, dunque, in piena seconda guerra mondiale. I tedeschi hanno invaso e occupato Parigi. Gli uomini di Bussy sono al fronte. Mentre gli invalidi, gli anziani, le donne e i bambini sono privati della loro dignità e libertà subendo le conseguenze dell’attacco. Ogni famiglia dovrà ospitare un soldato nazista. La macchina da presa indugia sulle mani esperte di Bruno von Falk (Matthias Schoenaerts), che accarezzano il pianoforte di Lucile, la quale – affascinata dal suono di una dolce melodia denominata appunto Suite Francese – comincia a far amicizia, di nascosto, con il militare. Tra i due scocca la passione e Lucile sarà obbligata a scegliere tra l’amore per Bruno e i doveri verso la sua amata Francia. Coraggiosa, determinata e impavida, come sa essere solo una donna innamorata, Lucile, pur senza il fascino di Linda Voss di Vite Sospese, è un personaggio credibile e ben costruito. Suite Francese non commuove solo per la trama ma soprattutto per il retroscena di questa pellicola, basata sull’omonimo romanzo di Irène Némirovsky, affermata scrittrice che morì nel 1942 ad Auschwitz. Iréne, prima di essere catturata, consegnò il prezioso manoscritto alle figlie che l’hanno ignorato per sessant’anni fino a quando Denise Epstein non cominciò a leggerlo e a trascriverlo. Fu così che decise di consegnare al mondo il romanzo incompiuto della madre che aveva redatto solo le prime due parti. Nonostante le sofferenze subite, la scrittrice ebraica credette che ci potesse essere un briciolo di bontà nel cuore di ghiaccio dei nazisti e umanizzò il personaggio maschile, dandoci una preziosa lezione di vita che ritroviamo fedelmente nel film. Da Casablanca a Il mandolino del capitano Corelli e a Il paziente inglese, il Cinema continua a raccontare esperienze di guerra a volte deludendoci, altre emozionandoci, ma sempre con la volontà di aiutarci a non dimenticare le atrocità commesse in quel preciso momento storico. E questa pellicola non fa da meno abbattendo però tutti gli stereotipici e consegnandoci un’altra faccia della Storia, quella poco divulgata ma non per questo meno credibile.

Trailer del film Suite Francese

Maria Ianniciello

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Leave a Reply

shares