Di tutto un po'

Paura del cambiamento: ecco come affrontarla in gravidanza

Oggi ti parlo in prima persona, da donna a donna, cuore a cuore, perché voglio soffermarmi sulla fobia forse più ancestrale, quella sensazione che ci immobilizza quando dobbiamo affrontare una prova o meglio ancora dei cambiamenti. Sì, la paura del cambiamento è molto diffusa, soprattutto in gravidanza, ed è sconsigliato scacciarla o annientarla oppure resisterle dato che tutto ciò a cui ci opponiamo si rafforza ancor di più privandoci della nostra energia vitale.

E allora cosa fare quando abbiamo paura del cambiamento nei vari periodi della vita come per esempio la gravidanza? Sicuramente il parto e la nascita di un bambino presuppongono degli stravolgimenti prima fisici e poi psicologici. Mi capita spesso di sentire delle coppie che, nonostante amino molto i loro figli, rimpiangono la vita di prima fatta di spensieratezza e momenti di relax. Ma io mi domando: non si può essere spensierati anche con un bambino? Non ci si può ritagliare del tempo per sé senza farsi demotivare dal senso di colpa? Chi ha detto che la nascita di un figlio debba per forza di cose offuscare altri aspetti della nostra personalità?

E comunque cambiare significa evolversi…per scoprire altre parti di sé inesplorate, ritrovando per esempio il padre e la madre interiore, cioè quelle figure archetipiche che ci danno un’energia nuova e sicuramente sconosciuta, ma vuol dire anche non interpretare sempre lo stesso ruolo, come quello della mamma perfetta e impeccabile per esempio. Significa abbassare la maschera, come l’aveva definita Luigi Pirandello, che ci inchioda facendoci recitare sempre la stessa parte.

 

paura del cambiamento gravidanza

Con la paura del cambiamento in gravidanza arriva anche la sensazione che qualcosa di noi stia davvero morendo per lasciare il posto a una nuova immagine di noi stessi. Concepire la vita come un viaggio fatto di salite e discese, immaginando di essere degli esploratori, ci fa affrontare con naturalezza questa paura ancestrale che non ci vuole bloccare. Al contrario. Ci porta un messaggio che è soggettivo e che abbiamo il dovere di ascoltare, senza elucubrazioni né giudizi severi. Aver paura è naturale. Chi finge di non averne è un grande bugiardo.

Per affrontare la paura del cambiamento anche in gravidanza (ma questo discorso può essere allargato ad altri momenti della vita) consiglio di praticare alcune tecniche di rilassamento, rivolgendosi a professionisti esperti e preparati come naturopati e operatori del benessere, e se è invalidante tanto da creare crisi di panico facendosi seguire da uno psicoterapeuta. Allego questo video con una serie di spezzoni di film che ci fanno riflettere sul cambiamento.

Dott.ssa Maria Ianniciello, naturopata e giornalista pubblicista

close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Commenta

shares