culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Senza categoria

Lana Del Rey, “Ultraviolence”: la recensione dell’album

Dopo “Born To Die”, disco da oltre 7 milioni di copie vendute in tutto il mondo, l’affascinante Lana Del Rey prova a ripetere il successo del precedente lavoro con un nuovo album di inediti, questa volta osando ancora di più a livello musicale e testuale. Azzardo? Barlume di genio? Ennesima strategia di marketing? “Ultraviolence” è tutto questo e molto di più. “Ultraviolence” è una cascata di note raffinate, un fiume di sonorità blues, country e dream pop, nel quale la voce di Lana nuota come sirena libera e sensuale.

lana-del-rey-ultraviolence

Innumerevoli le sfumature dipinte dalle 11 tracce che compongono l’album (14 nella limited edition). Tonalità calde e avvolgenti, come quelle che accarezzano “Cruel World”, primo brano del disco, e “West Coast”, singolo di lancio (decisamente poco radiofonico). Già al primo ascolto, ci si rende conto dello straordinario lavoro compiuto dalla cantante 28enne insieme al produttore e amico Dan Auerbach (quello dei Black Keys) per dar vita ad un progetto artistico che va oltre la musica e che scomoda immagini cinematografiche e teatrali, con assaggi noir ed erotici. Provocazione, pathos, eleganza, drammaticità: il mondo di Lana è un concentrato di pulsioni contrastanti, di ossessioni e di melodie eteree che si scontrano con ritmi più forti e sperimentali. Un mix di sonorità che può apparire talvolta caotico e che sicuramente è stato pensato e partorito fregandosene altamente delle vendite, delle classifiche e di “piacere a tutti i costi”. “Ultraviolence” non è un album ruffiano, né troppo rivoluzionario. Il cordone ombelicale che lo lega al passato, a quel “Born To Die” così barocco, infernale e paradisiaco, è ancora ben attaccato. Ritroviamo, ad esempio, un po’ di trip hop e di atmosfere dark, ma anche una scrittura cruda e matura che già ci aveva convinto nel 2012. Sogni infranti, malinconia, sofferenza, cuori spezzati. E ancora: piacere fisico, fascino ed erotismo. Elementi che nutrono un concept album di altissimo livello, a tratti spiazzante e paralizzante.

del rey

 

Niente più cantilene: Lana del Rey canta l’essenzialità del suo mondo misterioso e narcolettico. Si passa dalla psichedelica e inquietante “Shades of Cool” (che tanto ricorda lo stile Portishead ma anche i Pink Floyd), al jazz blues di “Sad Girl”, così intensa ed elegante. Non mancano pezzi sfacciati e potenti come “Fucked My Way Up To The Top” e “Pretty When You Cry”, maledettamente ossessivi e autentici. Travolge e appassiona “Old Money” (nel cui testo spiccano citazioni di Nino Rota). “Ultraviolence” contiene una cover di “The Other Woman” di Jessie Mei Robinson, interpretata e rivisitata in passato anche da Jeff Buckley e Nina Simone. Innovativa e sperimentale, invece, “Guns and Roses”, bonus track che troviamo solo nella limited edition.

Lana, spesso dipinta come una pin up o una diva americana ultramoderna, così vicina alle icone di bellezza e di sensualità del passato, crea in questo suo ultimo lavoro in studio anche atmosfere esoteriche (ascoltate “Black Beauty” e capirete), fino alla più grezza e incisiva “Florida Kilos”, a chiudere un album ricercato, fine, maturo e finalmente libero dagli orpelli di “Born To Die”. Un disco d’altri tempi, complesso e coraggioso, come solo la dea indie di New York poteva realizzare.

Silvia Marchetti

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Silvia Marchetti

Silvia Marchetti, nata a Mirandola (Modena) nel 1981, è giornalista pubblicista e web designer. Laureata in Scienze Politiche presso l’Università di Bologna, si occupa da anni di Cultura e Spettacoli, pubblicando articoli, recensioni e interviste relative al mondo del teatro, del cinema e, in particolare, della musica. Tra le sue passioni, la buona cucina, i concerti, la moda e Milano, città in cui ha deciso di vivere.

Leave a Reply

shares