Senza categoria

Come superare la paura della malattia e della morte? Il segreto nel libro di Lee Lipsenthal

Pagg. 224 € 17,00 
Uscita: 3 aprile 2012
Un libro intenso, adatto non solo per coloro che cercano una speranza per continuare a vivere ma per ogni categoria di lettore perché gli insegnamenti in questo testo scritto da medico malato di cancro che insegnava agli altri come vincere la paura della malattia e della morte. Il suo nome era  Lee Lipsenthal, il quale è scomparso nel settembre del 2011. La vita di ogni persona si estende tra due date: quella di nascita e quella di morte. Noi non sappiamo qual è la nostra «data di scadenza»: ecco perché la scelta migliore è vivere con rispetto, consapevolezza, gioia, amore per noi stessi e tutti quelli che ci circondano. Per seguire i consigli dell’autore non occorre avere una diagnosi negativa, bisogna solo iniziare a guardare il mondo con occhi nuovi. Lee questo lo sapeva e lo insegnava ai suoi pazienti, e quando gli è stato diagnosticato un cancro, ha scritto un libro – dal titolo “La vita è qualcosa di straordinario. Morendo ho imparato a vivere. La mia lezione più grande” (edito da Sperlin & Kupfer) – per fare sapere a quanta più gente possibile che la vita è bella per quella che è, e che va vissuta con pienezza assaporandone ogni istante.


22 aprile 2012 ore 11.45
close

Salve, sono Maria Ianniciello. Grazie per aver letto l'articolo. Se ti è piaciuto il sito e il pezzo, iscriviti alla mia newsletter settimanale. Riceverai ogni lunedi una mail con gli articoli e i nuovi episodi del podcast, contenuti inediti, buoni sconto su libri e tanto altro!

Commenti

commenti

Salve, mi chiamo Maria Ianniciello. Cultura & Culture è un blog indipendente. Redigere articoli ed editare podcast di qualità richiede tempo e concentrazione. DONA ORA affinché io possa creare contenuti migliori. Grazie mille!

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Un commento

  • Marina Di Guardo

    credo che sia importante leggere questi libri che, apparentemente scomodi e poco appetibili, fanno riscoprire invece il vero senso del nostro esistere.
    brava Maria!
    un abbraccio!

Lascia un commento

shares