15 novembre 2012
Piera Vincenti (230 articles)
Share

IL LUSSO TRA EUROPA E AFRICA

© Subbotina Anna – Fotolia.com

Ha preso il via questa mattina a Roma, presso il Cavalieri Hotel, l’International Herald Tribune Luxury Conference, iniziativa giunta alla dodicesima edizione e voluta fortemente dall’editorialista di moda Suzy Menkes. Il summit di quest’anno è incentrato sull’influenza dei paesi del Mediterraneo sul mondo della moda e del lusso e sulle potenzialità dell’Africa, sia come produttore che come consumatore di beni di lusso. Accostare le parole Africa e lusso sembra quasi un controsenso ed è certamente un atto rivoluzionario. Quando si digitano insieme le due parole, nei motori di ricerca compaiono siti di safari o hotel a cinque stelle ma non certo siti e immagini inerenti alla moda. Per questo motivo, la conferenza in programma il 15 e 16 novembre a Roma ha una portata innovativa che propone una riflessione sul mondo della moda a 360 gradi.

L’evento prevede la partecipazione di oltre 500 delegati provenienti da più di 35 nazioni edarà voce ai più importanti stilisti e dirigenti d’aziende del mercato Fashion & Luxury. Da Manolo Blahnik e Frida Giannini, passando per Bono Vox, Diego Della Valle e Vivienne Westwood, fino a Farida Khelfa e Donatella Versace. L’International Herald Tribune’s luxury Conference è il più importante forum internazionale riservato ai leader di mercato dell’industria mondiale di beni di lusso e, dopo la prima edizione a Parigi nel 2001, è stato ospitato a Londra, New Delhi, Mosca, Istanbul, Dubai, Berlino, Hong Kong e São Paulo.

Quest’anno è toccato a Roma dove, ad aprire la manifestazione, è stato il sindaco Gianni Alemanno che ha sottolineato che la città «è orgogliosa di ospitare eventi così importanti, non solo per il futuro di questa città e del nostro paese, ma per tutto il mondo della moda, del lusso e del design», rilevando che «nel grande equilibrio della globalizzazione ci sono due poli distinti che però possono cooperare tra loro, ovvero eccellenza e solidarietà». E per Alemanno «un’iniziativa come questa che guarda con attenzione all’Africa è molto importante perché noi membri di paesi occidentali abbiamo qualcosa da restituire all’Africa per avere un vero equilibrio». Presenti oltre al sindaco, l’assessore capitolino Rosella Sensi, e Silvia Venturini Fendi, Creative Director Fendi e Presidente di AltaRoma.

Proprio di Silvia Venturini Fendi è stato l’intervento più interessante, incentrato sul progetto che Carmina Campus ha sviluppato a partire dal 2007 in Africa creando borse, accessori e pezzi unici  realizzati  con materiali di riuso e lavorazioni di alto  artigianato. Oltre alla sessione “Handmade in Kenya”, fittissimo è il programma della due giorni di convegni che vedrà alternarsi ospiti provenienti da tutto il mondo.

Il leader degli U2 parlerà del progetto realizzato nel Mali con Renzo Rosso, Livia Firth e Franca Sozzani racconteranno l’esperienza africana e di come si potrebbe sviluppare la moda attraverso Fashion4Development per l’ONU, i CEO di P&G si occuperanno di come si può valorizzare l’Africa, utilizzando il patrimonio naturale che ha, e l’AD di Mercedes, che sostiene le fashion week di tutto il mondo, racconterà delle settimane della moda africane. Moda ed etica, dunque, con la finalità di salvaguardare e valorizzare le risorse provenienti dall’Africa. Ma in questi giorni a Roma si parlerà anche di Made in Italy e delle exit strategies per difendere la produzione nostrana.

Piera Vincenti

Piera Vincenti

Piera Vincenti

Piera Vincenti è giornalista e copywriter. Si occupa di comunicazione aziendale e pubblica e collabora alla realizzazione di siti web. Laureata in Sociologia, ha conseguito la laurea specialistica nel 2010 dopo aver ottenuto la laurea triennale in Scienze della Comunicazione.

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.