La Lettura? Un antidoto per il sottosviluppo

@Sergey Nivens-Fotolia.com
@Sergey Nivens-Fotolia.com

Volete assoggettare e impoverire economicamente un popolo? Toglietegli la Cultura e in particolare i libri, i quali sono definiti il cibo della mente, in maniera piuttosto riduttiva.

In realtà la lettura è molto di più: oltre a essere il tapis roulant del cervello, il quale è come un muscolo e quindi va mantenuto in allenamento, stimola la Creatività che è la sola via per il progresso socio-economico di un territorio. Ogni prodotto innovativo, prima di essere messo sul mercato, va realizzato e ancor prima pensato. Immaginato.

La Creatività muove il mondo; senza di essa nulla, nemmeno l’essere umano, esisterebbe, perché ogni cosa sul nostro Pianeta è nata dall’idea di una Mente Creativa che possiamo chiamare Dio o Energia Universale, Natura o Caso.

Ogni creatura, animata e non, è uno splendido capolavoro. E l’essere umano è l’unica specie del Pianeta ad avere una evidente Creatività, la quale – dicevamo – può essere sviluppata attraverso la Lettura, il grande serbatoio della Fantasia. Dopotutto i libri sono una delle fonti che ci hanno fatto conoscere gran parte della Storia dell’umanità; tanto che anche Dio, secondo la tradizione ebraica e cristiana, fece mettere per iscritto le sue Parole, in modo che fossero tramandate alle generazioni future. Non è un caso che, consapevoli dell’enorme potenzialità della Cultura e in particolare dei libri, tutti i dittatori sanguinari si sono preoccupati di distruggere o di nascondere quei volumi considerati proibiti e di impedire l’accesso allo studio, soprattutto alle donne che, come madri, potevano trasmettere ai loro figli il seme della vera conoscenza. Le mie parole trovano conferma nei numeri. La crescita economica di un’area territoriale è strettamente legata alla fruibilità della Cultura, come dimostra l’indagine Istat sui libri, resa pubblica in questi giorni.

Dati Istat
Dati Istat – La lettura in Italia

Nel 2013 in Italia permangono forti differenze territoriali: nelle regioni settentrionali legge oltre la metà della popolazione di 6 anni e più (50,1% nel Nord-ovest e 51,3% nel Nord- est), mentre nel Sud e nelle Isole (unica eccezione è la Sardegna) la quota di lettori è pari solo al 30,7%, con Campania e Sicilia in coda alla classifica. In Italia una famiglia su dieci non ha nemmeno un libro in casa e la percentuale è più alta al Sud, con Basilicata, Calabria, Sicilia e Campania ai primi posti. Inoltre in Campania il 70 per cento degli intervistati non ha letto nemmeno un libro nel 2013 contro il 40 per cento del Trentino Alto Adige, la regione più virtuosa e certamente più produttiva. C’è dunque uno stretto legame tra produzione e cultura. Vogliamo crescere come Paese? Leggiamo. Se avete un budget limitato, potete acquistare un e-book o andare in biblioteca, ma fatelo. Facciamolo. La redazione di Cultura & Culture si impegna a proporvi sempre più libri. Seguiteci…

Maria Ianniciello

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube Marica Movie and Books.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI