Al Cinema Judi Dench è Philomena: la recensione del film

PHILOMENA_RAW_0116.TIF
Un’immagine del film

 

La forza di “Philomena”, uscito nelle sale cinematografiche il 19 dicembre, è la sceneggiatura, scritta da Jeff Pope e Steve Coogan, nella triplice veste di sceneggiatore, di attore e produttore. Premiato, infatti, proprio per la miglior sceneggiatura alla 70ma Mostra di Arte Cinematografica di Venezia, il film è basato su una storia vera, tratta dal libro di Martin Sixsmith “The Lost Child of Philomena Lee” (“Philomena”, pubblicato in Italia da Edizioni Piemme), ed è diretto da Stephen Frears. La parte della protagonista è affidata a una veterana del Cinema mondiale, Judi Dench, che in questo film interpreta un ruolo piuttosto difficile, quello di Philomena, un’anziana infermiera in pensione che cerca suo figlio Anthony, strappatole dalle braccia cinquant’anni prima in un’Irlanda bigotta e conformista. Philomena a sedici anni resta incinta e, siccome è stata cacciata da casa, va a vivere in un convento di suore che hanno l’abitudine di vendere i bambini a famiglie di americani benestanti.

Philomena da giovane
Philomena da giovane

Costretta a subìre una serie di umiliazioni, la ragazza dà alla luce il bambino, senza l’aiuto di un medico, con un parto podalico, rischioso per la mamma e per il neonato. Dopo tre anni – nel corso dei quali Philomena vede suo figlio solo per un’ora al giorno – Anthony viene dato in adozione. Il tempo passa. Philomena, che non ha mai smesso di cercare suo figlio, incontra Martin Sixsmith (Steve Coogan), un ex giornalista della BBC che comincia a lavorare al caso, recandosi insieme all’anziana signora in America, sulle tracce di Anthony. Il film, come ho accennato all’inizio, trae forza proprio dalla sceneggiatura che non ha tempi morti e che, nonostante gli elementi drammatici, riesce comunque a far sorridere grazie alla spontanea e inconsapevole ironia di Philomena, un personaggio ben costruito che perdona i suoi “carnefici cattolici” andando oltre i torti subìti e cogliendo appieno l’intima essenza del Cristianesimo, a differenze delle suore che le hanno tolto suo figlio. Ma Martin Sixsmith, laico, pragmatico ed ex cattolico, non riesce a farsene una ragione: come può Dio permettere tanta crudeltà? Si chiede.

«Quali peccati? La Chiesa Cattolica ha peccato, non tu!», risponde il giornalista a Philomena, che vuole confessarsi. Martin si fa gestire dal proprio Ego che giudica, si arrabbia e vuole vendetta ma che, attraverso l’Amore di una madre, ritrova il suo equilibrio. Un film coinvolgente, non strappalacrime, drammatico ma con dignità, con un finale inatteso. Da vedere, assolutamente!

Trailer – Il film è distribuito in Italia da Lucky Red

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Il libro 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI