Rimedi di Primavera: ecco il Tarassaco, proprietà e benefici

Le piante della primavera hanno quasi tutte un unico comune denominatore: depurano il fegato che è l’organo di questa stagione. Secondo le antiche tradizioni il fegato, come accennato in diversi articoli, è la sede della rabbia, un’emozione primordiale che in questo periodo ha la finalità di spingerci ad agire in vista dell’apertura estiva.

Tarassaco proprietà e benefici

Ma per agire ci vuole tanto coraggio. Il fegato, sia simbolicamente che fisicamente, ha bisogno di essere sostenuto e allora piante quali il Cardo Mariano, l’Elicriso, il Ribes nigrum, il Carciofo, l’Olivo e il Tarassaco depurano la ghiandola epatica tenendo al contempo il colesterolo cattivo basso.

Questo consente al sangue di svolgere la sua funzione di trasporto delle sostanze indispensabili per la sopravvivenza del nostro organismo e al fegato di conservare le energie per la stagione estiva quando c’è bisogno di maggiore vitalità.

Come vedete la natura non fa nulla al caso. Il Tarassaco nello specifico è una pianta erbacea che appartiene alla famiglia delle Composite. Il nome botanico è Taraxagum officinalis. Le parti usate in erboristeria sono le foglie e le radici.

Tarassaco: proprietà e benefici

Le proprietà e i benefici del Tarassaco sono diversi: è utile in caso di digestione difficile, disturbi epatici, colesterolo e trigliceridi alti. Non va usato se si soffre di gastrite e di occlusione alle vie biliari. Sconsigliato per chi non ha la cistifellea.

Da sempre un pilastro della Fitoterapia, il Tarassaco è conosciuto con il nome ‘dente di leone’ e ‘soffione’; in passato aveva la nomea di proteggere le streghe che, grazie a questa pianta, non venivano riconosciute così dalla gente.

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

In realtà dal punto di vista simbolico il Tarassaco – le cui foglie si aprono al sorgere del sole e si schiudono al tramonto – agisce sulla corretta gestione della forza vitale immagazzinata nel fegato, affinché questa non si disperda. Si assume sotto forma di tintura madre o estratto secco facendo un decotto (quando si utilizzano le radici) oppure un infuso (se si usano le foglie). (articolo di Maria Ianniciello, naturopata e giornalista)

Tarassaco - Infuso
Taraxacum officinale – radice
Voto medio su 21 recensioni: Buono
€ 7,67

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube (Marica Movie and Books). Curo la rubrica Bimbi al cinema sul blog Ricomincio da quattro di Adriana Fusè.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI