La Cristalloterapia e il Chakra Svadhishtana

Cristalloterapia: sette Pietre per sette Chakra (Seconda Parte) Eccoci qui per proseguire il nostro percorso “energetico” nel mondo dei cristalli! La scorsa settimana abbiamo approfondito il primo Chakra, Muladhara, e come agire su questo importante centro con alcune pietre. Oggi parleremo del secondo Chakra, il cui nome sanscrito è Svadhishtana, che significa “collocato nel suo proprio posto”. Si trova nel basso ventre, nella cavità pelvica, e rappresenta il luogo in cui nascono gli istinti sessuali, ma anche più in generale tutti gli atti creativi e procreativi, sostenuti da un tipo di energia attiva, capace di mettere in movimento proprio le capacità creative e dare così prospettive future. Questo Chakra inoltre è associato all’idea del piacere inteso come gusto (infatti Svadhishtana può essere tradotto anche come “dolce”), senso fondamentale per riconoscere ciò che è commestibile da ciò che non lo è, capacità imprescindibile per la sopravvivenza. Fisicamente gli corrispondono le ovaie, la prostata, i testicoli, gli organi sessuali, il sistema urinario e renale. Il suo elemento è l’acqua (elemento primordiale della Creazione, ma anche capace di “pulire” ed eliminare ad esempio tutti i blocchi emotivi), la frase che lo caratterizza è “Io sento” e il colore l’arancione, colore delle emozioni e dell’energia.

Corniola
Corniola

E’ interessante notare come il primo e il secondo Chakra abbiano diversi punti in comune, ma Svadhishtana ha un’accezione femminile più forte, racchiudendo comunque entrambe le polarità. Cosa succede se questo Chakra non è in equilibrio? Potremmo trovarci in presenza di patologie che coinvolgono gli organi corrispondenti, quindi disturbi sessuali, disturbi ai reni e alla circolazione, ma anche ansia ed incapacità di vivere ed esprimere le proprie emozioni con conseguente senso di paura e voglia di isolamento. Per lavorare su Svadhishtana ho scelto la Corniola e l’Opale di fuoco, ma vale sempre la regola di pietre del colore associato al Chakra! La Corniola fa parte della famiglia dei quarzi, ed è il simbolo di vitalità, allegria e ottimismo! Gli antichi egizi donavano ai propri morti questa pietra affinché li accompagnasse nel viaggio nell’aldilà e ne propiziasse la “nuova vita”; ancora oggi è considerato un potente talismano contro ogni tipo di malasorte e contro i terremoti: la casa che ha tra le proprie pareti una corniola, si crede, non crollerà. A livello fisico la corniola agisce in modo eccellente sulla digestione, ma anche sulla pressione, sulla purificazione del sangue (previene anche le vene varicose), e aiuta l’assimilazione di vitamine e nutrienti vari. Viene usata per curare gli occhi, per mantenere la pelle giovane e sana e per favorire la fecondità. A livello emotivo, se da un lato lavora sull’ottimismo e la vitalità, dall’altro allontana sentimenti negativi quali l’odio, la gelosia e l’invidia, favorendo e agevolando le relazioni interpersonali. La corniola inoltre ha la spiccata capacità di conferire stabilità, concretezza e razionalità. Una bellissima pietra, non c’è che dire!

L’Opale di fuoco è una pietra preziosa in tutti i sensi! I Romani la indossavano come simbolo di speranza e purezza, mentre i Greci erano convinti che chiunque la indossasse, possedeva il dono della preveggenza. In realtà è una pietra che lavora molto meglio sul piano emotivo che non su quello fisico, perché lavora in modo specifico sull’energia vitale. E’ in grado infatti di eliminare i blocchi energetici (sia del primo che del secondo Chakra) in modo molto potente e per questo ne sconsiglio fortemente un uso continuativo, ma piuttosto a periodi alterni. L’Opale di fuoco fa emergere emozioni represse e ridona il coraggio per realizzare progetti accantonati o che ci sembrano troppo ambiziosi per le nostre capacità. Ci restituisce ottimismo, intuizione e chiarezza interiore ed è infatti la pietra perfetta per chi soffre di depressione ed apatia. L’opale ci mette sulla strada del cambiamento riaccendendo questo desiderio e donandoci maggiore forza di volontà. Ora che “le basi fisiche” sono state poste e sono ben salde, vi aspetto la prossima settimana per proseguire il nostro viaggio con la cristalloterapia, verso un livello più “mentale”! Per leggere l’altro articolo clicca su qui. 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Olga Leo

Olga Leo
Dopo gli studi classici e la laurea in Lettere e Filosofia, con una tesi sul linguaggio cinematografico di Hitchcock, inizia a collaborare con diverse riviste occupandosi di recensioni e critica cinematografica. Lavora nel mondo del doppiaggio e delle radio. Eclettica e curiosa per natura si apre al mondo delle discipline olistiche e naturali, ampliando così i propri orizzonti.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI