Gravidanza consapevole: tutto sul libro di Bianca Buchal
4 gennaio 2018
Maria Ianniciello (1283 articles)
Share

Gravidanza consapevole: tutto sul libro di Bianca Buchal

La gravidanza non è una malattia, è una condizione fisiologica attraverso la quale la donna può esprimere tutta la propria creatività ma è anche una responsabilità perché crescere un figlio vuol dire mettere le basi per un mondo migliore. Bianca Buchal si è dedicata per quasi tutta la vita alla natalità promuovendo una serie di iniziative. Il suo libro, Gravidanza Consapevole (Uno editori), è adatto alle future mamme che vorrebbero affrontare questo particolare momento della loro esistenza nel modo più naturale possibile.

Gravidanza consapevole

Purtroppo si è affidato al personale medico un evento, che non ha in sé nulla di patologico rendendo anonimo il parto e artificiosa la gravidanza. Il neonato, fino a pochi anni fa, veniva tolto, dopo il parto, dalle braccia della mamma (che secondo i medici aveva bisogno di riposo) con ripercussioni negative non solo per il piccolo ma anche per la madre che si sentiva così privata del suo ruolo. L’importanza di una comunicazione efficace tra la donna e il feto, la necessità di allattare il bambino e di prendersene cura in modo totale ed esclusivo: questi i capisaldi del libro di Bianca Buchal. Un volume intenso ma breve, ricco di spunti di riflessione e di consigli ma con un limite: l’autrice non tiene conto del fatto che la donna oggi non è solo madre bensì è anche lavoratrice. Dopo sei mesi di maternità in genere si torna a lavoro; presupposto, secondo me essenziale, per una vita attiva se si tiene conto anche delle emozioni contrastanti che la donna prova. Magari vorrebbe rimanere con il suo bambino, però il distacco è comunque fondamentale, così come facevano le mamme contadine che andavano nei campi a lavorare.

Le donne hanno sempre lavorato fuori dalle pareti domestiche e non c’è nulla di male in questo, poiché essere madre non significa dover rinunciare ad altri lati di sé che possono convivere armonicamente se si riesce a dare loro spazio quando richiesto. Rivedere poi il sistema – troppo centrato sul profitto – è sicuramente prioritario perché il lavoro di cura è vitale per creare una società più giusta e più equa.  Per il resto vi consiglio di leggere il libro Gravidanza consapevole di Bianca Buchal perché troverete molti spunti per vivere questa fase nel modo più sereno possibile.

Voto
3 out of 5

3

Average
3 out of 5
Maria Ianniciello

Maria Ianniciello

Direttore responsabile e coeditrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Presenta spettacoli vari (sfilate e concerti) e modera convegni. Su Cultura & Culture, oltre a occuparsi di libri, attualità e arte, è responsabile della sezione Cinema.

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.