Da New York a Milano: Pollock e gli Irascibili

Jackson Pollock  Number 17, 1950 / "Fireworks",  (1950). Olio, smalto, vernice di alluminio al bordo, 56,8 x 56,5 cm © Jackson Pollock by SIAE 2013  © Whitney Museum of American Art
Jackson Pollock
Number 17, 1950 / “Fireworks”, (1950).
Olio, smalto, vernice di alluminio al bordo, 56,8 x 56,5 cm
© Jackson Pollock by SIAE 2013
© Whitney Museum of American Art

Diciotto artisti e quarantanove capolavori provenienti dal Whitney Museum di New York: questo e molto altro ancora è la mostra “Pollock e gli Irascibili“, il percorso espositivo che, allestito dal 24 settembre 2013 fino al 16 febbraio 2014, apre la rassegna dell’Autunno Americano, un evento unico che si terrà a Milano e che comprende spettacoli, convegni, mostre. Sarà possibile visitare “Pollock e gli Irascibili” presso Palazzo Reale, dove sarà dedicata un’intera sala al capolavoro di Pollock, l’opera Number 27, una tela di tre metri di lunghezza. Accanto al quadro di Pollock, altri capolavori come Mahoning di Franz Kline (1956), Door to the River di Willem de Kooning (1960) e Untitled (Blue, Yellow, Green on Red) (1954) di Mark Rothko. Il visitatore lungo il percorso potrà ammirare i dipinti della Scuola di New York e in particolare degli Irascibili, chiamati così per un episodio verificatosi nel maggio del 1950, quando il Metropolitan di New York organizzò una mostra escludendo però tutti quegli artisti che nel Secondo Dopoguerra stavano creando un’arte innovativa e astratta. I pittori esclusi furoni i firmatari di una lettera di protesta indirizzata al direttore del Metropolita, Roland L. Redmond, e divulgata dal New York Times. Ma fu un altro giornale, l’Herald Tribune, a coniare per questi artisti il nome di Irascibili. Celebre anche la foto pubblicata nel 1951 dalla rivista Life: nell’immagine si vedono quindici dei diciotto Irascibili con abiti da bianchieri. Questo famoso scatto sarà in esposizione a Palazzo Reale.  I tratti distintivi degli Irascibili? Sperimentazione ed energia, ma anche rottura con il passato, peculiarità essenziali dell’Espressionismo Astratto che cattererizzò un’epoca, tanto che per la prima volta a dettare le nuove regole dell’Arte non fu una città europea bensì americana. Gli Irascibili diedero spazio alla libertà del gesto pittorico, all’uso del colore e alla grandezza della tela.

 

La mostra è organizzata da Palazzo Reale, Arthemisia Group e 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE, con il Whitney Museum di New York, ed è promossa dal Comune di Milano. Curatori dell’esposizione sono Carter Foster con Luca Beatrice.

m.i. 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI