Avellino, in mostra l’arte di Luigi Franzese

FranzeseArte in scena. Questo il titolo della mostra che è stata inaugurata presso il Foyer del Teatro Carlo Gesualdo di Avellino e che sarà possibile visitare fino al prossimo 17 maggio. Si tratta di un percorso espositivo sull’arte di Luigi Franzese.

Luigi Franzese nasce a San Giuseppe Vesuviano nel 1952. Le sue doti artistiche vengono subito intuite dai genitori e successivamente evidenziate dai suoi insegnanti che scrivono: «possiede delle spiccate doti artistiche», «è bravissimo in disegno», «eccelle in artistica», «si consiglia di proseguire gli studi presso gli istituti d’arte». Franzese intraprende, così, la formazione artistica e subito dimostra di avere una grande sensibilità per l’arte e una indubbia creatività. Conclude gli studi conseguendo l’abilitazione all’Insegnamento di materie artistiche nella scuola media. Nel 1980 tiene la sua prima importante mostra personale a Napoli dal titolo «Annullamento dei piani come superfici», un interessante discorso sulla “spazialità dell’opera d’arte” che oltrepassando lo specifico del quadro sconfinava nella scultura e perfino nell’architettura senza trascurare la pittura. Gino Grassi nel presentare la mostra scrive che Franzese «dimostra che sulle falde del Vesuvio, dove vivono anche Emblema ed altri artisti, sta nascendo una nuova maniera di fare arte». Nel 1983 viene segnalato alla Giorgio Mondadori e Associati Editori quale giovane artista emergente. Nel 1990 viene allestita, nei locali del Castello Cinquecentesco de L’Aquila e con il patrocinio della Soprintendenza per i Beni Ambientali Architettonici Artistici e Storici per l’Abruzzo, la mostra monografica «il silenzio della materia»: una mostra personale di così rara e complessa bellezza che Raffaello Biordi definisce Franzese «novatore di grande interesse» degli ultimi 150 anni. Franzese lavora intensamente per approfondire sempre di più la sua singolare e interessante ricerca artistica (e numerose sono le mostre personali allestite) e nel 2010 negli spazi del Museo Civico di Castelnuovo a Napoli viene organizzata, con il patrocinio del Comune di Napoli, della Regione Campania e del Parco Nazionale del Vesuvio, una importante e singolare mostra antologica riferita a 30 anni di ricerca artistica dal titolo “Del Vesuvio Franzese”.

«Qualche anno fa definivo la mia pittura il punto zero delle cose e della materia, da cui si parte per arrivare ad un altro punto zero e così via: i nuovi spazi e i nuovi tempi che si creano durante i percorsi eterni della materia – scriveva Franzese – Sono contento per aver trovato un punto di arrivo e di partenza che, come uomo e come artista, da tempo cercavo nelle nebbie dell’arte contemporanea. Solo dipingendo si può fare pittura, il resto sono solo parole».

Orari mostra: dal martedì al sabato, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20.

 

Commenti

commenti

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI