1 dicembre 2012
Redazione (4050 articles)
Share

A BRESCIA LA MOSTRA DI ROBERTO MANGÙ

Roberto Mangù, Mar Adentro – etude, 2011, olio su tela, 150 x 150 cm

Sarà inaugurata domani, 2 dicembre 2012, presso il Museo di Santa Giulia di Brescia la mostra Roberto Mangú. Mar Adentro. La mostra, che rimarrà aperta al pubblico fino al 20 gennaio 2013, propone un percorso nell’immaginario pittorico di Roberto Mangú, artista di notorietà europea, tramite circa 25 opere di grande formato legate al suo rapporto poetico con il Mare Mediterraneo. Di origine andalusa, Mangú ha il Mediterraneo nel sangue. Cresciuto intellettualmente a Parigi, ha saputo far convivere la sua doppia natura di mediterraneo e di figlio dell’“Industria Europea”. Nel suo peregrinare giunge anche a Milano, dove ha vissuto per anni.

Dall’Andalusia riceve la cultura del mare, la cultura dell’oro, la cultura della notte e quella del viaggiare. Dalla cultura del Nord riceve lo spirito e la forza dell’industria. La somma di queste esperienze e il suo percorso umano, che lo ha portato a toccare i tre paesi mediterranei, ha prodotto in lui e nella sua arte una visione poetica fortemente identitaria, nella quale l’Italia riveste la forma di un “Essere in Piedi”.

La pittura di Roberto Mangú si esprime in uno spazio temporale che appartiene al nostro presente, ma si colloca in una prospettiva atemporale, designando un «altro attuale» che interrompe una continuità lineare, sia per inserirsi nella memoria che per proiettarsi nel futuro. I dubbi e le incertezze che incombono ogni giorno sugli uomini ci obbligano a incessanti riferimenti al senso del tempo, come se quest’ultimo progredisse nell’ineluttabile conseguenza dell’istante che lo precede. Mar Adentro evoca anche quel rapporto particolare che l’artista intrattiene con il Mare interiore che è anche il nostro: il Mediterraneo. Il suo lavoro, da tempo, s’iscrive in una mitologia nutrita di coste luminose appartenenti a questo spazio “mitico” che ha ispirato la nostra civiltà.

Roberto Mangù, Stele Idem Europa, 2011, olio su carta, 153 x 103 cm

Aragon scriveva: «Ciò che è stato sarà, purché ce ne ricordiamo». Roberto Mangú, per le sue origini, per il suo credo, aderisce a questa eredità luminosa e tragica al tempo stesso, abbagliante e contrastata, veicolo di tanti sogni e speranze e che egli vede come un vasto territorio comprendente l’Africa e il cui centro è l’Italia. Ricordandosi anche dei Girasoli di Van Gogh nei campi di grano della Provenza, di Ricasso, di Mirò e di Nicolas de Staël, quel russo divenuto mediterraneo che soccombette alla singolarità tragica di questo mare sfracellandosi  sulle rocce di Antibes.

La mostra Mar Adentro è una riflessione sulla modernità, sull’idea stessa di pittura in un tempo iconoclasta. Il catalogo, ripropone il saggio di Roberto Mangú, pubblicato nel catalogo della mostra Bonnard, dans la lumière de la Méditerranée, contiene un’introduzione di Philippe Daverio, un testo di Véronique Serrano e un testo di Dominique Stella.

La mostra, che viene ospitata nella prestigiosa cornice del Museo di Santa Giulia di Brescia, iscritto nel Patrimonio Mondiale dell’Unesco, è realizzata con il concorso della Fondazione Credito Valtellinese e della Fondazione Brescia Musei e con il patrocino del Comune di Brescia. In primavera Mar Adentro di Roberto Mangù raggiungerà la seconda tappa del suo viaggio in Italia a Fano, dove sarà ospitata nella Galleria Carifano.

Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.