The Founder: recensione, trailer del film, trama

The Founder: trailer, recensione del film e trama – Dopo aver visto The Founder, è probabile che vi poniate delle domande su ciò che è giusto o sbagliato e su quali siamo i confini invalicabili di un ego esasperato dalla troppa ambizione e, con sicurezza, posso dire che un misto di ammirazione e antipatia potrebbe portarvi a non prendere una posizione netta sul protagonista di questo film che, tra luci e ombre, ha avuto comunque il merito di aver esportato, in tutti gli Stati Uniti, un’idea geniale che però non era la sua, perché Ray Kroc non ha inventato il McDonald’s, mentre negli Usa imperversava il drive-in, un ristorante che portava le pietanze nelle automobili dei clienti. Quest’uomo, dallo sguardo intelligente e dalla dialettica facile – impersonato nella pellicola magistralmente da Michael Keaton – in realtà ha creato la rete di franchising del più noto fast food, partendo da una ‘genialata’ di due fratelli, che di cognome facevano McDonald’s, e investendo di tasca propria per quasi un decennio senza ricavare nulla e questo dalla pellicola, purtroppo, non emerge a causa del ritmo che aumenta di velocità, diventando convulso, proprio come la mente del personaggio principale.

The Founder poteva essere un film di formazione per chi vuole fare impresa, ma si è trasformato così in un lungometraggio che documenta la corsa spietata di un uomo, per certi versi arrogante, mentre sullo sfondo l’America cambia volto trasformandosi nel colosso capitalistico che conosciamo con tutte le contraddizioni e le conseguenze negative. La quantità e la serialità dei prodotti prevale così sulla qualità. Lo vediamo in una scena decisiva, nella quale Kroc propone ai due fratelli, per attutire i costi di gestione delle filiali, di sostituire il frappè con un prodotto in polvere, industriale, sicuramente privo di latte.

In una delle prime scene di The Founder il protagonista ascolta un disco motivazionale. Negli anni Cinquanta si stava cominciando a diffondere il mercato della motivazione. Napoleon Hill (1883-1970) con il suo libro di maggiore successo Pensa e arricchisci te stesso ha insistito molto sul concetto di perseveranza che trapela, tra le righe però, anche nel film dove il talento sembra avere la peggio sulla tenacia, eppure Kroc aveva delle capacità innate: sapeva individuare le giuste risorse umane (non senza aver commesso prima degli errori) ed era molto bravo nelle pubbliche relazioni (Kroc ingaggiava moglie e marito come supervisori delle filiali, forse perché era insoddisfatto della propria consorte che non capiva le sue esigenze e non riusciva stargli dietro?). Il movimento dunque è l’asse portante di The Founder: il protagonista è sempre in viaggio tra mille impegni e cambi di programma. La pellicola è diretta da John Lee Hancock che si avvale di un cast eccellente, da Laura Dern a Nick Offerman e John Carrol Lynch, i cui personaggi sono del tutto secondari perché prevale Michael Keaton grazie alla centralità del suo ruolo, ricalcata da intensi primi piani che coinvolgono lo spettatore rendendolo parte attiva. Il lungometraggio, meno calibrato e intenso di Saving Mr. Banks (diretto dallo stesso regista e uscito nel 2013) si avvicina, anche se non troppo, a Joy (2015) per stile. The Founder, tuttavia, complessivamente è un film avvincente che mantiene alta l’attenzione e che non delude. Di seguito il trailer.

Commenti

commenti

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI