TERREMOTI, IN ITALIA POCO O NIENTE PER ATTUTIRE I DANNI

Le notizie che arrivano dall’Emilia Romagna stanno preoccupando l’opinione pubblica italiana. Gli italiani, già in allerta per la crisi economica, adesso temono ancor di più la natura, dato che le zone altamente sismiche nella nostra penisola sono numerose. Abbiamo, dunque, contattato l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia per saperne di più su questi fenomeni e su ciò che si può fare non tanto per prevederli quanto per attutirne gli effetti. Ed è proprio su quest’ultimo aspetto che insiste il sismologo Salvatore Barba: «Non c’è possibilità di prevedere un terremoto nel breve o brevissimo tempo, ma si può tracciare una stima per grandi aree e a lungo termine. E’ necessario non tanto una prevenzione, che resta solo sulla carta, bensì un’adeguata informazione». Barba sostiene che «un organo preposto o la Protezione Civile dovrebbe studiare i possibili scenari, che potrebbero verificarsi nelle zone a rischio, mediante un esame capillare e attento dei territori». Ma non basta, «perché è fondamentale un’interazione fra gli Enti locali, in particolare le Regioni – che dovrebbero  commissionare la stima – e chi effettua lo studio degli scenari; altrimenti come è già successo rimarrà tutto aleatorio», aggiunge. E per quanto riguarda le possibili conseguenze nelle zone rosse, il sismologo afferma che «il rischio nella nostra penisola è sempre elevato a prescindere dal terremoto in Emilia Romagna». Il ricercatore smentisce anche quelle leggende metropolitane secondo cui nello stretto di Messina un vulcano potrebbe eruttare causando uno tsunami: «Il vulcano Marsili, che però non si trova nello stretto, potrebbe risvegliarsi causando una frana, da cui potrebbe nascere uno tsunami. Ma non c’è nulla di certo». Infine, per quanto riguarda l’Emilia Romagna, Salvatore Barba spiega che già nel 2002 l’Istituto di Geofisica e Vulcanologia aveva definito quell’area zona a medio rischio, anticipando quello che è successo nel 2012.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: maria.ianniciello

maria.ianniciello
Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2012 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture fino al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuale. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube Marica Movie and Books.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI