Di tutto un po'

Premio Luchetta 2013, ecco i vincitori

luchettaIan Pannell, Marzio G. Mian, Jean-Sébastien Desbordes, Richard Lloyd Parry e Marco Gualazzini sono i giornalisti  vincitori delle cinque sezioni del Premio Luchetta 2013, la cui premiazione si svolgerà il 3 luglio al Politeama Rossetti di Triste e sarà trasmessa su Rai1 in seconda serata il 10 luglio 2013, con l’appuntamento “I nostri angeli” . A condurre la serata delle premiazioni della decima edizione del Premio saranno due volti familiari dell’informazione e dell’intrattenimento Rai, i giornalisti Franco Di Mare e Barbara Carfagna, affiancati da numerosi ospiti. Fra i protagonisti musicali di questa edizione, il pubblico potrà applaudire uno dei protagonisti più amati della scena cantautorale italiana, Simone Cristicchi, insieme alla giovane e talentuosa vincitrice della prima edizione di “The voice Italy” Elhaida Dani. Ci saranno anche il vincitore di Sanremo Giovani 2013 Antonio Maggio e l’attore Sebastiano Somma, interprete fra i più amati della produzione di Rai fiction e amico da sempre del Premio Luchetta, cui ha dedicato alcuni anni fa tre mini fiction girate a Mostar. In scena anche i giovani cantanti dell’Associazione StarTs Lab del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia. E poco prima dell’inizio della serata, dalle 20.30 alle 21, il pubblico del Rossetti potrà assistere alla “Anteprima I nostri Angeli”, che sarà condotta da Giovanni Marzini: un talk show con ospiti dedicato al decennale del Premio, in onda su Rai3 Fvg domenica 7 luglio, alle 9.45.  La decima edizione del Premio Giornalistico Internazionale Marco Luchetta è organizzata da Prandi Comunicazione & Marketing, con il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, di Turismo FVG, del Comune e della Camera di Commercio di Trieste, con Assicurazioni Generali, Banca Friuladria Credit Agricòle, Portopiccolo, Fincantieri e Wärtsilä Italia.

Foto vincitrice - Gualazzini
Foto vincitrice – Gualazzini

I vincitori – Il reportage della BBC, dal tunnel in cui trovano rifugio gli sfollati siriani, realizzato dall’inviato Ian Pannell con le immagini del noto operatore di guerra Darren Conway, vince il Premio Giornalistico Internazionale Marco Luchetta 2013, promosso dalla “Fondazione Luchetta, Ota, D’Angelo, Hrovatin in collaborazione con la RAI e sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. Anche quest’anno, dunque, le cronache dal fronte siriano hanno caratterizzato buona parte delle corrispondenze pervenute alla giuria del Premio, presieduta dal direttore della Testata Giornalistica Regionale della Rai,  Alessandro Casarin; centinaia di reportage e servizi firmati dalle maggiori emittenti e testate giornalistiche nazionali ed europee, in cui sono echeggiati i temi dell’attualità internazionale, dalle donne di piazza Tahrir allo Yemen martoriato, dalle baby-prostitute in Bengali e in Bangladesh alle macerie che ancora pesano sull’isola di Haiti.

Al vicedirettore di Io Donna Marzio G. Mian va il Premio Luchetta 2013 nella sezione quotidiani/periodici, per un’inchiesta sull’infanticidio delle bambine indiane: il peggior posto dove nascere donna, con dieci milioni di neonate uccise in vent’anni.

E ancora, nella sezione Alessandro Ota per il miglior reportage fino a 45 minuti vince il giornalista di France2 Jean-Sébastien Desbordes, con il suo viaggio coraggioso nella diversità al fianco di Sacha, un bimbo affetto da una particolare malattia genetica.

Premio Dario D’Angelo per il miglior reportage di carta stampata straniera va al corrispondente dall’Asia di The Times, Richard Lloyd Parry: per cinque anni, usando uno pseudonimo per evitare di essere arrestato e deportato, Parry ha viaggiato clandestinamente in Birmania, documentando le atrocità del regime.

E il fotografo Marco Gualazzini, con l’intenso scatto pubblicato da L’Espresso in un servizio sulla bolgia infernale degli sfollati in Congo, vince il premio Miran Hrovatin per la fotografia. Istituito dalla Fondazione Luchetta Ota D’Angelo Hrovatin nel ricordo della troupe Rai – composta dai giornalisti Marco Luchetta, Alessandro Ota e Dario D’Angelo – assassinata a Mostar nel gennaio ’94 e dell’operatore Miran Hrovatin ucciso pochi mesi dopo a Mogadiscio con la giornalista Ilaria Alpi, il Premio Luchetta è dedicato ai giornalisti, telecineoperatori e fotoreporter che raccontano e testimoniano con sensibilità la difficile tematica delle violenze e sopraffazioni sulle vittime più indifese, i bambini. Special guests della Serata saranno il giornalista Giovanni Floris, conduttore di Ballarò, Premio FriulAdria Testimoni della Storia 2013, e il cartoonist Francesco Tullio Altan, Premio Speciale Luchetta 2013.

Per info: www.premioluchetta.it;  www.fondazioneluchetta.org

Commenti

commenti

Per collaborazioni e proposte commerciali contattare: mariaianniciello@culturaeculture.it

Lascia un commento

shares