NUOVA TECNICA PER VEDERE ATTRAVERSO IL FUOCO

supplementary3_500dpiUna nuova tecnica messa a punto dai ricercatori dell’Istituto nazionale di ottica del Consiglio nazionale delle ricerche (Ino-Cnr) di Firenze e Napoli consentirà ai vigili del fuoco di vedere attraverso le fiamme per localizzare in modo più preciso eventuali vittime e trarle in salvo. La tecnica messa a punto dal team guidato da Pietro Ferraro si basa sull’olografia digitale nell’infrarosso. La ricerca è stata pubblicata su ‘Optics Express’ e rappresenta un passo in avanti nella direzione del salvataggio delle vittime di incendi.

I vigili del fuoco e le squadre di primo soccorso attualmente possono disporre di termocamere a infrarossi, in grado di rilevare l’emissione del corpo umano, riuscendo così a ‘vedere’ attraverso intense coltri di fumo. Le fiamme però ‘accecano’ i rilevatori e non consentono di localizzare le persone in pericolo.

supplementary2_500dpi«L’olografia digitale è una tecnica ottica e informatica che, a partire dalla registrazione di una singola immagine chiamata ologramma permette, tramite sorgenti laser, di mettere a fuoco l’oggetto e ottenere informazioni quali spessore o densità, in caso di oggetti trasparenti come cellule e cristalli, e misure di deformazioni anche su scala micrometrica», spiega Massimiliano Locatelli dell’Ino-Cnr. In generale i laser utilizzati permettono di studiare oggetti microscopici e macroscopici, ma non più grandi di pochi centimetri.

«La novità della ricerca pubblicata è invece l’uso di laser infrarossi di alta potenza, che permettono lo studio di oggetti di dimensioni umane anche con soggetti in movimento. Inoltre, l’elaborazione numerica dell’ologramma consente di rimettere a fuoco l’immagine senza utilizzare lenti in fase di registrazione: la telecamera, così, non viene accecata dalla radiazione emessa dalla fiamma come accade alle comuni termocamere finora impiegate».

«In questo modo sono state ottenute immagini di persone in movimento, nascoste da fiamme, ottenute in laboratorio con l’uso di fornelli a gas», conclude Vittorio Bianco Ino-Cnr. «Se i futuri sviluppi confermassero questi confortanti risultati, in pochi anni si potrebbero realizzare sistemi olografici portatili collegati a un centro di analisi operante da remoto. La tecnica costituisce un primo passo per rendere molto più efficace, agevole e sicuro il lavoro delle squadre di soccorso e le applicazioni sarebbero varie e importanti: dalle telecamere nei tunnel sottomarini o autostradali, a quelle in luoghi come ospedali, scuole o asili».

Commenti

commenti

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI