Massimo Ranieri, “Sogno e son desto” al Carlo Gesualdo di Avellino

Sentire cantare Massimo Ranieri mette in brividi. La sua voce forte toglie il respiro ed emoziona, perché lui, giullare del palcoscenico, eterno ragazzo, sa far sognare anche ad occhi aperti. Canta, balla e recita Massimo Ranieri nello spettacolo “Sogno e son desto – Chi nun tene coraggio nun se cocca ch’ ‘e femmene belle”, che ha riscosso grande successo, sia in televisione sia a teatro, perché il talento, quando è vero e genuino, trascina le folle.

Massimo Ranieri Sogno e son desto

L’artista napoletano, che si è fatto apprezzare per successi come per esempio “Rose rosse”, ha saputo reinventarsi con performance di alto livello.  “Sogno e son desto” è  un evento nell’evento. Una magia che comincia con le prime note e i primi passi. Il pubblico ha l’occasione di ascoltare in una sera canzoni di ieri e di oggi del repertorio musicale nazionale che comprende soprattutto pezzi della grande tradizione partenopea. Massimo Ranieri sta girando l’Italia e, proprio nel prossimo fine settimana, l’artista torna ad Avellino. “Sogno e son desto”, nato dalla collaborazione con Gualtiero Peirce,  sarà messo in scena al Teatro Carlo Gesualdo come anteprima della nuova stagione teatrale.

Ranieri sarà al Carlo Gesualdo venerdì e sabato, 17 e 18 ottobre, alle 21, nonché il 19 ottobre alle 18.30. Con lui sul palco Luca Trolli alla batteria, Donato Sensini al sax, Flavio Mazzocchi al pianoforte, Massimiliano Rosati alla chitarra. Le luci e i disegni sono a cura di Maurizio Fabretti. L’orchestra è diretta dal Maestro Renzo Musmeci Greco.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Naturopata ad indirizzo psicosomatico. Aromaterapeuta. Diplomata in Naturopatia presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica. Lavora sia in gruppo che individualmente con consulenze naturopatiche e sedute di aromaterapia. Giornalista pubblicista. Scrive di benessere, aromaterapia, motivazione al femminile, LifeStyle. Ama la Cultura, in particolare il cinema. Lettrice vorace. Si è laureata in Lettere nel 2005 presso la Seconda Università di Roma con il massimo dei voti.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI