29 ottobre 2012
Piera Vincenti (230 articles)
Share

L’URAGANO SANDY MINACCIA LE ELEZIONI AMERICANE

A otto giorni dalle elezioni americane, sta per abbattersi sulla costa est degli Stati Uniti il pericolosissimo uragano Sandy, che minaccia morte e distruzione al suo passaggio. La città di New York è già stata allertata e molti cittadini evacuati in zone più sicure. Il presidente Barack Obama ha assicurato che ha situazione è sotto controllo ma, intanto, lui e il suo sfidante repubblicano sono stati costretti a cancellare molti appuntamenti importanti dei prossimi giorni. Questa la prima conseguenza dell’uragano sulla campagna elettorale. Il presidente Obama ha anticipato i comizi in Florida e in Ohio, ma ha cancellato gli appuntamenti previsti per oggi e domani in Colorado per poter monitorare la situazione meteo dalla Casa Bianca. Mitt Romney, invece, è stato costretto ad annullare i comizi in Virginia per concentrarsi solo sullo stato chiave dell’Ohio, quello che potrebbe dare la vittoria all’uno o all’altro candidato.

Ma le ripercussioni dell’uragano sulle elezioni non finiscono qui. L’emergenza maltempo per Obama è un importante banco di prova. Il presidente è innanzitutto chiamato a dimostrare di poter affrontare la catastrofe climatica limitando i danni, ma deve anche sperare che l’uragano non provochi allagamenti e black out nelle grandi città come New York, a vocazione democratica, dove Obama rischierebbe di perdere molti voti determinanti per l’esito delle elezioni. A rischio anche l’early voting, il sistema di voto anticipato su cui il presidente punta molto. I dati diffusi nel 2008, infatti, dimostrano che chi si reca a votare anticipatamente, tendenzialmente vota democratico.

Altro elemento chiave su cui entrambi i candidati puntano sono i risultati dell’occupazione di ottobre, che verranno resi pubblici in questa settimana. Se i risultati fossero positivi potrebbero passare inosservati a causa dell’emergenza maltempo, cosa che penalizzerebbe i democratici. Se fossero negativi, invece, a rischiare sarebbe Romney che sull’economia e l’occupazione ha incentrato l’intera campagna elettorale.

Il compito più difficile per i candidati è far passare il messaggio che, in una situazione di emergenza come quella scatenata da Sandy, le elezioni passano in secondo piano rispetto alla sicurezza dei cittadini. E proprio con questo spirito sono stati cancellati gli impegni di Romney e Obama, che ha interrotto la campagna elettorale per poter monitorare la situazione da Washington se l’allarme dovesse perdurare o aumentare.

Intanto, i sondaggi non si sbilanciano a favore né dell’uno né dell’altro candidato. C’è una parità sostanziale tra Obama e Romney, soprattutto nello stato chiave dell’Ohio. In Virginia, invece, il presidente è dato a quattro punti di vantaggio sullo sfidante. A contare sono i grandi elettori. Per vincere ne occorrono 270 e, secondo i calcoli del sito specializzato RealClearPolitics.com, Obama al momento ne avrebbe 290 dalla sua parte, contro i 248 di Romney.

Piera Vincenti

Piera Vincenti

Piera Vincenti

Piera Vincenti è giornalista e copywriter. Si occupa di comunicazione aziendale e pubblica e collabora alla realizzazione di siti web. Laureata in Sociologia, ha conseguito la laurea specialistica nel 2010 dopo aver ottenuto la laurea triennale in Scienze della Comunicazione.

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.