Giovanni Paolo II: il Papa missionario fatto Santo Subito

giovanni paolo IIIl giovane Karol Wojtyła, nonostante avesse sperimentato la solitudine in vita, non si sentì mai solo. Almeno stando alle biografie ufficiali e non. Dotato di una grande fede e di un eccezionale carisma, sin dall’inizio del suo pontificato Giovanni Paolo II si dimostrò subito un abile comunicatore, doti acquisite anche grazie al Teatro. Fu eletto Papa il 16 ottobre 1978 e nel corso del suo papato viaggiò in lungo e in largo per il mondo, conquistando le simpatie della gioventù che intanto faticava a capire i precetti e le norme, spesso ferree, della Chiesa Cattolica. Il Concilio Vaticano II aveva portato una ventata di freschezza, ma la spinta conservatrice della Chiesa era ancora molto forte. Un Papa giovane e carismatico avrebbe certamente fatto la differenza e così fu. Devoto alla Madonna, lasciò il suo pensiero arguto in numerosi scritti, come le Lettere Apostoliche e le Encicliche. Karol Wojtyła era venuto dalla Polonia, un Paese molto lontano, martoriato prima dal Nazismo, poi dal Comunismo sovietico. Era nato a Cracovia il 18 maggio 1920 da Karol Wojtyła e da Emilia Kaczorowska ed era il secondo di due figli. Perse in breve tempo tutta la famiglia, ma fu sostenuto – come già anticipato – dalla fede. Percorse tutta la gerarchia ecclesiastica, diventando vescovo e poi cardinale; partecipò al Concilio Vaticano II. Dall’attentato in piazza San Pietro del 13 maggio 1981 ai vari ricoveri fino alla diagnosi del morbo di Parkinson e alla morte, avvenuta il 2 aprile 2005, il papato di Giovanni Paolo II (durato 26 anni, il terzo più lungo della storia) si è caratterizzato anche per la profonda sofferenza, che però non gli ha impedito di compiere centinaia di viaggi all’Estero e in Italia per annunciare la Parola di Cristo. Il 27 aprile Papa Francesco lo proclamerà santo, rispondendo così all’appello dei fedeli. Una scelta significativa. Papa Bergoglio canonizzerà lo stesso giorno sia Giovanni XXIII sia Giovanni Paolo II. Che non si tratti di un messaggio? La Chiesa sta ampliando i suoi orizzonti e lo fa seguendo una duplice strada: lo spirito missionario, sostenuto dalla devozione e dalla preghiera, di Karol Wojtyła e la semplicità di Angelo Roncalli che aveva come unico punto di riferimento la Lezione del Vangelo.

Maria Ianniciello

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI