Di tutto un po'

ELEZIONI USA, PROGRAMMI A CONFRONTO

© fotogestoeber – Fotolia.com

La campagna elettorale negli Stati Uniti è nella sua fase decisiva. Ormai manca poco più di una settimana al 6 novembre e il presidente Barack Obama ha già espresso il suo voto, così come milioni di americani, che hanno espresso la loro preferenza per l’uno o per l’altro candidato. Secondo gli ultimi sondaggi, il presidente in carica conduce su Mitt Romey 54 a 39 per cento tra quelli che hanno scelto l’early voting. Un distacco non impressionante ma che al momento regala la vittoria a Obama.

Intanto, il presidente è già diventato l’uomo dei record, il primo a superare la cifra di un miliardo di dollari nella raccolta dei fondi elettorali. Sommando il totale ottenuto dal presidente e dal partito democratico, dall’inizio del 2011 al 17 ottobre 2012, si raggiunge la cifra di 1,009 miliardi di dollari. Non è da meno Romney che, secondo Huffington Post, è a quota 951 milioni. Una battaglia a tutto tondo, quella dei candidati alla Casa Bianca, che si sfidano sulla comunicazione non meno che sui programmi elettorali. Analizziamoli nei loro punti chiave.

ECONOMIA – Le idee in termini di economia e fisco rispecchiano quelle degli schieramenti a cui appartengono i candidati. Obama vorrebbe attuare appieno l’agenda promossa nella campagna elettorale del 2008, aumentando le aliquote fiscali per i ceti più privilegiati e introducendo sgravi per la classe media. Inoltre, per risanare il debito, ha intenzione di ridurre le spese militari e congelare bilanci e stipendi pubblici. Romney, al contrario, vorrebbe aumentare proprio le tasse della classe media e tagliare la spesa pubblica di circa il 20 per cento del PIL, con l’obiettivo di azzerare il deficit Usa entro il 2040. Altro punto di estrema importanza è la riforma sanitaria. Mentre Obama difende il suo sistema che prevede l’accesso a coperture assicurative minime mediante contributi economici e detrazioni fiscali, Romney intende privatizzare l’intero sistema sanitario, aumentando lo strapotere delle grandi compagnie assicurative.

DIRITTI CIVILI – Il solco tra Obama e Romney diventa ancora più evidente quando si parla di diritti, dai matrimoni omosessuali all’immigrazione clandestina. Su quest’ultimo punto, i due candidati sono concordi nel voler ridurre il fenomeno, ma con approcci completamente diversi. Mentre il presidente propone di incentivare l’immigrazione regolare e riconoscere lo status legale ai figli di genitori immigrati senza documenti se si si arruolano nell’Esercito o frequentano il college, il candidato repubblicano è per la tolleranza zero e l’espulsione di tutti i clandestini presenti sul territorio americano. Inoltre, Obama ha espresso la sua apertura verso il riconoscimento dei matrimoni omosessuali e promesso una legge che favorisca la parità di trattamento salariale per uomini e donne. Romney, invece, guarda solo alla famiglia tradizionale e dice no all’aborto e alla cancellazione dell’assistenza medica per le spese legate ai contraccettivi. Una mossa studiata per  ingraziarsi il movimento fondamentalista cristiano Tea Party.

SOSTENTAMENTO ENERGETICO – Questione non meno importante dell’economia e dei diritti è quella del sostentamento energetico. Entrambi i candidati sono concordi nel sostenere la necessità di investire nelle nuove tecnologie e nelle energie alternative. Obama punta molto sull’eolico e il solare mentre Romney vorrebbe promuovere quelle tecniche di estrazione del petrolio che hanno consentito agli Stati Uniti di trivellare dove prima non era possibile.

POLITICA ESTERA – Il dibattito sulla politica estera si è concentrato soprattutto sulla situazione libica e l’attentato di Bengasi in cui lo scorso 11 settembre perse la vita l’ambasciatore Chris Stevens, episodio che ha fatto risvegliare i vecchi timori sull’azione di Al-Qaeda. Romney, basandosi sul modello Bush, vorrebbe imporre la presenza americana in Medioriente, anche grazie all’amicizia con Israele, e adottare la linea dura verso l’Iran e la sua politica nucleare. Obama vorrebbe risolvere la crisi con la collaborazione dell’Onu.

Programmi impegnativi, da una parte e dall’altra. Ma, mentre Obama sembra avere le idee molto chiare su come attuare il proprio, Romney ha lasciato dei grossi buchi neri, non riuscendo a spiegare neppure come intende creare quei 12 milioni di posti di lavoro promessi per guardare al futuro con ottimismo.

Piera Vincenti

close

Salve, sono Maria Ianniciello. Grazie per aver letto l'articolo. Se ti è piaciuto il sito e il pezzo, iscriviti alla mia newsletter settimanale. Riceverai ogni lunedi una mail con gli articoli e i nuovi episodi del podcast, contenuti inediti, buoni sconto su libri e tanto altro!

Commenti

commenti

Salve, mi chiamo Maria Ianniciello. Cultura & Culture è un blog indipendente. Redigere articoli ed editare podcast di qualità richiede tempo e concentrazione. DONA ORA affinché io possa creare contenuti migliori. Grazie mille!

Piera Vincenti è giornalista e copywriter. Si occupa di comunicazione aziendale e pubblica e collabora alla realizzazione di siti web. Laureata in Sociologia, ha conseguito la laurea specialistica nel 2010 dopo aver ottenuto la laurea triennale in Scienze della Comunicazione.

Lascia un commento

shares