A Oristano si parla di oceanografia operativa

OristanoPrende il via il prossimo lunedì 3 giugno il convegno nazionale dal titolo “Oceanografia operativa, tecnologie e applicazioni innovative”. Una tre giorni durante la quale quaranta relatori si riuniranno a Oristano per offrire una panoramica dei più avanzati strumenti operativi e strategici per il monitoraggio e le previsioni del mare. L’evento, in programma presso l’Auditorium dell’Hospitalis Sancti Antoni e l’Istituto per l’ambiente marino costiero del Consiglio nazionale delle ricerche, è aperto al pubblico e vedrà partecipare alla tavola rotonda il Gruppo nazionale di oceanografia operativa (Gnoo).

oceanografiaMa cos’è esattamente l’oceanografia operativa? «Si tratta – spiega Roberto Sorgente, ricercatore del Cnr e responsabile del Gruppo di oceanografia operativa di Oristano – di una disciplina che si propone di realizzare un sistema integrato di dati osservativi in tempo reale e di modelli previsionali, allo scopo di valutare con accuratezza lo stato dei mari e degli oceani per lo sviluppo sostenibile delle attività e per la protezione dell’ambiente». «La scienza e la tecnologia sviluppate in oceanografia negli scorsi venti anni – interviene Nadia Pinardi, docente di oceanografia presso l’Università di Bologna nonché direttore del Gnoo – hanno dimostrato che oggi è possibile monitorare il mare con satelliti e misure in situ che possono arrivare in tempi strettissimi ai centri di previsione delle condizioni del mare così permettere di usare modelli per la previsione del mare e delle sue condizioni, dalle correnti alla biochimica marina». Ed è così che il convegno della prossima settimana intende approfondire proprio il tema dello stato di sviluppo delle previsioni a livello globale e «delle applicazioni – spiegano – che ne derivano per la gestione delle emergenze e lo sviluppo sostenibile delle attività in mare». Un appuntamento che, in realtà, si inserisce in un progetto più vasto, tanto che l’incontro di Oristano è il terzo di una serie iniziata nel 2008 a Genova e proseguita nel 2010 a Cesenatico.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI